Live Sicilia

Confapi Sicilia

Gli obiettivi della piccola
e media impresa siciliana


Articolo letto 729 volte

VOTA
0/5
0 voti

confapi sicilia, giuseppe scuderi, palermo, Economia
Inaugurata stamane a Palermo la nuova sede regionale della Confapi Sicilia, l' associazione delle piccole e medie imprese private dell' Isola. Dopo il tradizionale taglio del nastro e la benedizione dei locali da parte di monsignor Romeo, arcivescovo di Palermo, il presidente di Confapi Sicilia, Giuseppe Scuderi, ha illustrato gli obiettivi prioritari che l'associazione regionale dei piccoli e medi imprenditori intende perseguire. Valorizzazione e promozione della piccola e media impresa siciliana e sostegno all'attività degli imprenditori locali che spesso si trovano ad affrontare ostacoli quasi insormontabili, dall' ormai "storico gap infrastrutturale che grava sulla nostra regione", al "cancro rappresentato dalla mafia e dalla criminalità più in generale".

Scuderi snocciola inoltre i numeri delle realtà imprenditoriali siciliane: circa mille imprese che danno lavoro a più di ventimila persone. E poi il grido d'allarme delle pmi regionali, stremate dalla perdurante crisi economica, dal conseguente calo di ordini e fatturato, e dalle condizioni di estrema difficoltà per l'accesso al credito.

Presente alla manifestazione anche Paolo Galassi, presidente nazionale di Confapi, che ha sottolineato la necessità della "crescita economica ed industriale del Mezzogiorno", senza la quale non vi potrà essere sviluppo del sistema-Italia. Commentando la possibile istituzione di una nuova "cassa per il Sud", Galassi ha invece fatto riferimento al rischio di creare un "ente assistenzialista, che distribuisce contributi a pioggia ma che non è in grado di soddisfare le richieste del territorio e della base del tessuto produttivo".

Intervenendo alla inaugurazione l' assessore regionale ai Trasporti, Titti Bufardeci, ha invece posto l'accento sul "ruolo vitale per l'economia siciliana, ma più in generale per quella italiana, delle piccola e media imprenditoria che costituisce il cuore della produzione italiana e rappresenta circa il 70% del prodotto interno lordo".

A conclusione della manifestazione, è intervenuto anche il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, che conversando con una folta rappresentanza di imprenditori siciliani ha parlato dell'impegno del governo da lui guidato per lo sviluppo industriale dell'Isola, per il potenziamento delle aree di sviluppo industriale, da realizzare anche con il concorso dei fondi europei (Fas), ed ha rivendicato il merito di aver varato, come prima regione italiana, il provvedimento sul credito d'imposta, tanto atteso e reclamato proprio dai piccoli e medi imprenditori privati.