Live Sicilia

Premi

Padre Antonio Garau:
"Ecco il potere del premio Puglisi"


Articolo letto 1.297 volte

VOTA
0/5
0 voti

palermo, premio, puglisi, Zapping
“La forza del premio Don Pino Puglisi è proprio questa: la caparbietà di dire a tutti che con i bambini non bisogna andare oltre. E mi riferisco allo sfruttamento, alla pedofilia e a tutto ciò che di brutto si può fare nei loro confronti”.
Così ha dichiarato ieri pomeriggio padre Antonio Garau in occasione della presentazione dei premiati della quinta edizione del “Premio internazionale Padre Pino Puglisi”, da lui stesso organizzato con la collaborazione di Mimmo Milazzo, segretario generale della Cisl di Palermo e di Ignazio Garsia della fondazione “The brass group”.
L'incontro con i giornalisti si è svolto presso i locali del Circolo degli ufficiali di Palermo.

“Sono onorata di ricevere questo premio- ha dichiarato Laura Boldrini, portavoce dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati- Don Puglisi è un prete di frontiera, un prete che ha speso la sua vita per la legalità ma anche per i diritti dei più deboli. Quindi la vivo come una grande responsabilità e spero di poter portare avanti il mio impegno senza deludere chi oggi mi ha voluto dare questo riconoscimento”.
Gli altri premiati dell'edizione 2009 sono: Aldo Forbice, giornalista (“Zapping”, RaiUno), il personale della Guardia costiera di Lampedusa, Pietro Mennea, campione di atletica leggera e presidente della fondazione “Pietro Mennea Onlus”, Pippo Pollina, cantautore palermitano, Raffaele Bonanni, segretario generale della Cisl, il cardinale Salvatore De Giorgi, arcivescovo di Palermo, suor Pierina Bianchi, missionaria italiana che opera in Cina e Lu Youn, sindacalista cinese.
Presente alla manifestazione anche il maestro Giacomo Rizzo, autore della scultura bronzea che ritrae il sacerdote ucciso dalla mafia nel '93 e che verrà donata ai premiati. Il logo ufficiale del premio è stato realizzato, invece, dal maestro Pippo Madè.
Padre Antonio Garau ha colto l'occasione per presentare il volume “Città plurale Palermo- Abito il mondo”, realizzato a conclusione dell'omonimo progetto finanziato dal Ministero della Solidarietà sociale, ente affidatario il Comune di Palermo e gestito dal consorzio “Comunità nuova” di Francesco Passantino.
Alla presentazione è seguita la cerimonia di consegna dei premi, che si è svolta alle 8.30 al Teatro Politeama Garibaldi, cui hanno dato un contributo artistico l'Orchestra sinfonica del conservatorio Vincenzo Bellini guidata dal maestro Carmelo Caruso, Epicharmus, Ivan Fiore, Lucy Garsia, Othello, Quelli della rosa gialla e Sasà Salvaggio.

Oggi i premiati incontreranno i giovani universitari nella facoltà di Ingegneria alla presenza del rettore Roberto Lagalla e del professore Tommaso Romano, presidente della fondazione Thule Cultura.