Live Sicilia

Il procuratore di Palermo sui dati del Csm

Messineo: "Situazione di forte criticità"


Articolo letto 521 volte

VOTA
0/5
0 voti

csm, messineo, palermo, procure, Cronaca
"Siamo in un momento di forte criticità che non potrà che peggiorare se non si cambia la legge": così il procuratore di Palermo, Francesco Messineo, ha commentato la notizia che per i 16 posti vacanti nell'ufficio requirente del capoluogo non è stata presentata alcuna domanda. "Questa situazione - spiega Messineo - è determinata essenzialmente da due cause: la legge, ora, preclude ai magistrati di prima nomina lo svolgimento delle funzioni monocratiche quali sono quelle dei pm. Quindi un bacino importante da cui si attingeva prima, che era proprio quello dei nuovi entrati in magistratura, non può più essere sfruttato". "Inoltre - prosegue - è innegabile che la paventata separazione delle carriere disincentivi le domande di trasferimento in Procura. Si teme, infatti, di restare intrappolati per sempre in una carriera". Quali che siano le cause, comunque, la situazione dell'organico nell'ufficio palermitano è grave e potrebbe peggiorare viste le domande di trasferimento pendenti. Nell'ordinario i posti scoperti sono 15 (su 40 magistrati a Palermo ne sono in servizio 25). "Meno drammatica - conclude Messineo - è la situazione della Dda dove "su 22 posti ci sono solo due scoperture". (Ansa)