Live Sicilia

Su "Il Riformista", il senatore "apre" all'Mpa

Lumia: "Se Lombardo cambia rotta
il Pd non può voltare le spalle"


Articolo letto 423 volte


lombardo, lumia, Mpa, pd, pdl, Politica
"Se Lombardo cambia rotta, il Pd non può voltare le spalle". Parole e musica di Giuseppe Lumia, senatore dei democratici e in corsa fino a pochi giorni fa per la segreteria regionale, dove è stato bruciato da Lupo.
Nella parole di Lumia, raccolte dal quotidiano "Il Riformista",  c'è un vero e proprio invito all'esecutivo regionale, un'apertura da molti invocata, da altri "immaginata", da altri ancora "sospettata".
E l'avvicinamento potenziale del Pd al presidente Lombardo passa da un attacco all'attuale maggioranza: "Il fallimento politico del centrodestra - spiega Lumia - non è più recuperabile, la riproposizione dell'alleanza del 2008 sarebbe solo una ripresa di un sistema di potere che lascerebbe la Sicilia nei guai, sul versante dello sviluppo e della legalità. O si torna alle urne o si imbocca la via delle riforme e dell'innovazione".
Così, quindi, l'idea di "elezioni anticipate" rimbalza dai palazzi romani in Sicilia, dove il Govenratore potrebbe trovare un nuovo alleato: "Se Lombardo sceglie in maniera netta la via delle riforme e dell'innovazione, se rompe con il vecchio sistema politico, se sposa una lotta per cancellare la mafia, a quel punto il Pd deve valutare, non può voltare le spalle. Deve valutare in maniera responsabile la situazione".
Insomma, Lumia invita i compagni di partito ad abbandonare una logica che li costringerebbe a ricoprire un ruolo marginale nello scenario politico siciliano: "Oggi c'è un'altra strada possibile: ristrutturare radicalmente il sistema politico, mettendo al centro le riforme per fare quelle scelte storiche che in Sicilia non sono mai state prese".
Scelte storiche, dice Lumia, e si riferisce in particolare a una più decisiva lotta alla mafia, specie nelle modalità con le quali questa si infiltra nell'economia, "altro punto fondamentale - aggiunge Lumia - è riorganizzare in profondità la Regione Sicilia, oggi strumento vecchio di potere, spesso anche collusivo".
Apertura, quindi, all'Mpa di Lombardo. Netta chiusura, invece, all'Udc: "L'alleanza con l'Udc non si può fare, almeno con quell'Udc che si ostina a difendere il vecchio sistema".
Resta da vedere, adesso, cosa ne pensano gli altri esponenti del Pd che in più occasioni avevano negato qualsiasi possibilità di accordo con l'Mpa di Lombardo.