Live Sicilia

Il coordinatore regionale del Pdl

Castiglione: "Lombardo? Siamo sorpresi
Ora stiamo a vedere dove vuole andare"


Articolo letto 430 volte


ars, castigilione, giunta, lombardo, pdl, Politica
"L'intervento del presidente Raffaele Lombardo ci ha molto, ma molto, sorpreso, alla luce degli ultimi contatti che c'erano stati. Adesso vediamo dove vuole andare". Così il co-coordinatore regionale del Pdl, Giuseppe Castiglione, da Roma, dove partecipa all'assemblea dell'Unione province italiane, commenta così l'approvazione in aula di un ordine del giorno del Pdl-Sicilia e dell'Mpa che chiede al governatore Raffaele Lombardo di "andare avanti". Il documento è passato con l'astensione del Pd. "Con il Mpa ci eravamo incontrati - aggiunge Castiglione - fissato i punti del programma e stabilito le priorità per il rilancio dell'azione di governo, invece... Del discorso di Lombardo ci sono cose che condividiamo ma altre che ci lasciano perplessi: un punto su tutti le critiche al governo nazionale e l'attacco per il nostro atteggiamento per il Dpef, che avevamo spiegato e motivato". "Quello che ci sorprende in assoluto di più - sottolinea l'esponente del Pdl - è l'attacco all'esecutivo del presidente Berlusconi da parte di due componenti, il Mpa e il Pdl-Sicilia, che fanno parte del governo nazionale". Castiglione non entra nel merito di un possibile appoggio esterno a un nuovo governo regionale, il Lombardo-ter, e non ipotizza, per il momento, scenari futuri. "Siamo molto, ma molto sorpresi - conclude il co-coordinatore del Pdl in Sicilia - e a questo punto chiediamo la massima chiarezza al presidente Lombardo. No siamo e restiamo prudenti: vediamo dove vuole andare e con chi...".