Live Sicilia

Ambiente

I pinguini invadono Palermo
per il "100 piazze per il clima"


Articolo letto 543 volte

VOTA
0/5
0 voti

ambiente, clima, palermo, politeama, Zapping
Dal 6 a 18 Dicembre la capitale Danese ospiterà il summit mondiale sui cambiamenti climatici che da tempo preoccupano gli esperti. Il teatro GetAttachment-1europeo sembra mostrare qualche difficoltà nel ritrovare un compromesso unanimemente condiviso da parte delle maggiori potenze su scala globale. C’è chi sente l’odore di sostanziosi profitti derivanti dall’innovazione tecnologica che fa leva sulla biosostenibilità, come i paesi in via di sviluppo, ma c’è anche chi si sente maggiormente “ripagato” dall’utilizzo di risorse fossili. Parallelamente al summit si sta svolgendo un’iniziativa, appoggiata da molti sindacati, associazioni ambientali e onlus di ogni ordine e tipo. Per attirare gente, due volontari di Lega Ambiente si sono travestiti da pinguini, salutando i passanti da uno dei balconi del Teatro Politeama. “E’ fondamentale informare la gente riguardo il riscaldamento del pianeta, spiegando quelli che possono essere i vantaggi dell’adozione di un piano regionale energetico. In Sicilia, prima di tutto, bisogna puntare sulle fonte rinnovabili: solare termico, eolico e idrico. Dobbiamo promuovere il concetto di democrazia energetica. Ogni famiglia deve capire che sfruttare gli incentivi e le detrazioni previste per chi sfrutta le “nuove energie” è importante, sia in termini di risparmio che di rispetto della natura – afferma Tommaso Castronovo, responsabile Lega Ambiente Sicilia nonché uno dei due improvvisati pinguini - Lo stabilimento Fiat di Termini non deve restare terra bruciata che creerebbe tanta disoccupazione, ma potrebbe essere convertito come stabilimento per la produzione di energie rispettose dell’ambiente”. E proprio a Termini Imerese, secondo quanto si sta facendo in tutta Italia per il progetto “100 piazze per il clima”, è stata prevista una tappa che fa parte della campagna di sensibilizzazione con l’unico intento di promuovere una reale coscienza ambientale. La location è Villa Palmeri, nel cuore della provincia palermitana, dove sono stati allestiti stand delle maggiori associazioni rappresentanti. Partecipa alla giornata anche uno dei più eccelsi ricercatori italiani, Gianni Silvestrini, responsabile del master “Ridef – energia per Kyoto” presso il Politecnico di Milano e presidente di Exalto: “E’ necessario che non siano i singoli operatori a tuffarsi nel mondo delle tecnologie rinnovabili. Serve una regia di più ampio raggio, che capisca come sfruttare le enormi potenzialità che offrono l’Italia e la Sicilia. Bisogna sostenere le energie rinnovabili, che possono offrire anche tanti posti di lavoro. Sarebbe auspicabile una maggiore collaborazione fra i vari soggetti istituzionali e le università, che sono un importante centro di ricerca in questo campo”. “L’innovazione, tra l’altro ben incentivata in ambito nazionale ed europeo, soffre per via dei paletti amministrativi – afferma Silvestrini – ma il fotovoltaico e le altre tecnologie sono il futuro delle nuove e necessarie energie.” Nonostante la pioggia la manifestazione è stata molto partecipata, specie dai giovani ragazzi, e questo rincuora gli organizzatori dell’evento, che si voglio professare ottimisti sulle prospettive energetiche ma anche sulla sensibilità della gente.