Live Sicilia

Premi

A Palermo il Premio Internazionale
Sicilia Madre Mediterranea 2009


Articolo letto 582 volte

VOTA
0/5
0 voti

madre mediterranea, palermo, premio, Zapping
Hanno raccontato la Sicilia autentica, lontana dagli stereotipi. Nei loro articoli, servizi televisivi e reportage c’erano la passione, i colori e i sapori dell’Isola. Sono stati osservatori attenti e critici, e nel contempo generosi. Hanno diffuso un’immagine positiva della Sicilia nel mondo, esaltandone il patrimonio rurale e culturale. Sono i sette giornalisti che hanno vinto l’edizione 2009 del premio internazionale “Sicilia Madre Mediterranea”, giunto alla sua quinta edizione e promosso dall’Assessorato regionale Agricoltura e foreste. Il concorso si propone di promuovere la Sicilia attraverso l'attività di comunicazione mediatica nei Paesi dell’Unione europea e non.
Ecco l’elenco dei vincitori della sezione giornalisti stranieri (tra parentesi la nazione di origine e la testata giornalistica): Pertti Depisto (Finlandia, Seura), Tom Kington (Gran Bretagna, Observer), Constanze Reuscher (Germania, Die Welt), Kristina Kappelin e Chris Warde-Jones (Inghilterra,  New York Times), Matthew Fort (Inghilterra, Bbc). Due i vincitori della sezione italiana. Sono Mariangela Gentile con La Buona Sicilia di un tempo e la giornalista di Rai Uno Susanna Baccetti. “I vincitori - spiega Michele Cimino, assessore all’Agricoltura e Foreste della Regione siciliana - hanno contribuito a diffondere la conoscenza, l'immagine, il patrimonio culturale ed enogastronomico della nostra terra in tutto il mondo. Grazie alla loro professionalità hanno saputo cogliere i valori autentici della Sicilia. Di una terra lontana dagli stereotipi, negativi e ormai anacronistici - conclude Cimino -. Esiste un’altra Sicilia, quella vera, e loro sono riusciti a raccontarla”.
La cerimonia di premiazione avrà luogo martedì 15 dicembre alle 19, presso l’hotel Villa Igiea Hilton di Palermo, alla presenza dei premiati, dei rappresentanti delle Istituzioni, e della stampa specializzata.