Live Sicilia

I risultati del nostro sondaggio

Il terribile Mister L.
e l'amico Raffaele


Articolo letto 462 volte

VOTA
0/5
0 voti

raffaele lombardo, regione sicilia, sicilia, sondaggio, Politica
Il nostro sondaggio, chiuso immancabilmente a mezzanotte, parla chiaro. Afferma più del sessanta per cento dei "cliccanti" che Raffaele Lombardo, di professione Presidente della Regione Sicilia, non durerà. Interpretiamo. Cadrà per una congiura di palazzo. Per le stilettate di un "tu quoque Brute, fili mi". Per la coppa avvelenata di un novello Borgia in transito (e ce ne sono all'occorrenza ovunque). Il trenta per cento, alcuni cordialmente, altri - immaginiamo - a denti stretti, gli riconosce la bravura. Coloro che davvero non sopportano il governatore (9 per cento) dicono che la sua è solo fortuna e dunque una qualità vana e vanesia,  destinata ad essiccarsi sotto il solleone della tempistica parlamentare. Sarà...

Noi abbiamo una certa impressione olfattiva, e non è la prima volta che l'avvertiamo e che ne scriviamo. Annusando l'aria che tira, ci pare di intercettare una netta convergenza: molti stanno cominciando a farci l'abitudine, a Lombardo, cioè. E il nostro maggioritario "non dura" vibra già intimamente di un'interessata domanda contrapposta: durerà? Farci l'abitudine non significa amare, apprezzare, stimare. Significa, soprattutto in Sicilia, prendere atto dell'identità di chi comanda e attrezzarsi per andare avanti lo stesso. Perché il vincolo sacramentale che lega il re al suo popolo, nelle nostre contrade, non è la filiale devozione. E' il potere. Il potere inteso come riconoscimento assoluto del medesimo, a prescindere da qualsiasi giudizio etico o da qualunque affetto umano.

Ecco perché il "non dura?" e il suo corrispettivo "durerà?" sono gli unici quesiti davvero centrali. Raffaele Lombardo è stato fin qui un magnifico stratega del suo esercito di Franceschiello. Dovesse convincere tutti dell'assoluta sovrapponibilità tra il suo volto e il potere, non avrebbe più rivali. Da mefistofelico Mister L., da odiato cane in chiesa, diventerebbe improvvisamente "l'amico Raffaele". L'amico da sempre di tutti.