Live Sicilia

Il Bar dello Sport

Non si Cava (ni)
un ragno dal buco


Articolo letto 529 volte

Caro Edinson. Dopo averle provate tutte. Dopo avere escogitato macumbe e riti augurali. Dopo avere scarpinato lungo le trazzere di cento processioni. Dopo avere pregato per il miracolo: affinché i tuoi piedi perdutamente ritorti potessero infine raddrizzarsi e non bruciare ed estinguersi al fuoco della pasticcioneria, come gli zoccoli legnosi di Pinocchio. Ecco, dopo tutto questo altro e altro ancora, confessiamo di non poterne più.

VOTA
0/5
0 voti

Bar dello sport, cavani, Bar dello sport
Caro Edinson.

Dopo averle provate tutte. Dopo avere escogitato macumbe e riti augurali. Dopo avere scarpinato lungo le trazzere di cento processioni. Dopo avere pregato per il miracolo: affinché i tuoi piedi perdutamente ritorti potessero infine raddrizzarsi e non bruciare ed estinguersi al fuoco della pasticcioneria, come gli zoccoli legnosi di Pinocchio. Ecco, dopo tutto questo altro e altro ancora, confessiamo di non poterne più. Amatissimo Pinocchietto Nostro, come si fa a mangiarsene tanti? Dovresti insegnare all'Università l'arte dello sbaglio sulla riga bianca.  A due passi da Dida sullo zero a zero. La panterazza rossonera accenna una copertura di prammatica, con l'occhio vitreo, rassegnato alla sconfitta. E tu che fai Edy? Tu slarghi la parabola oltre l'ultimo palo utile. Ti inventi una porta che non c'è e laggiù depositi il pallone. Nella rete che non c'è. Si stava sullo zero a zero. E se un ghiribizzo di Borriello avesse portato avanti i rossoneri un attimo dopo? Cosa avremmo ora tra i polpastrelli rosanero? Replay nel secondo tempo, a risultato quasi acquisito. Portiere ancora arreso. Pedata molliccia. Stavolta, palla sul primo palo.  Cioè fuori, cioè  sempiternamente nella porta che non c'è. Cosa possiamo inventarci Edy affinché i tuoi piedi non regolamentari - piedi da burattino - diventino un giorno i piedi un ragazzo come tanti?  Continueremo a pregare la Fata Turchina per la grazia. Tu, intanto statte accuorto. Delio Rossi somiglia a Geppetto. Però abbiamo proprio l'impressione che, all'occorrenza, sappia trasformarsi in Mangiafoco.