Live Sicilia

Spedizioni

Alpinisti siciliani in vetta
al vulcano più alto del mondo


Articolo letto 1.089 volte

VOTA
0/5
0 voti

alpinisti, Angelo Cristaudo, cile, Giovanni Motta, Giuseppe Gemmellaro, Giuseppe Martinico, Luca Ferlito, Nicola Leo, ojos del salado, Orazio Miceli, Paolo Bernardini, Pietro La Rosa, Salvatore Pulero, sicilia, Zapping
La spedizione di alpinisti siciliani dell’Associazione “Etnea nel mondo” ha completatola scalata del vulcano attivo più alto del mondo, l’Ojos del Salado in Cile. A 7000 metri d’altezza sventola la bandiera della Regione siciliana. La conquista è stata comunicata sostanzialmente in tempo reale, al Presidente della Regione, Raffaele Lombardo, dal comandante del nucleo operativo del Corpo Forestale di Catania, Luca Ferlito, che insieme agli nove compagni, ha affrontato questa sfida.

“E’ una vera e propria impresa quella che ha portato gli alpini siciliani dal vulcano attivo più alto d’Europa a quello più alto del mondo” ha commentato Lombardo che aveva ricevuto ed incoraggiato la delegazione, a Palazzo d’Orleans, poco prima della partenza per il Cile. La vetta è stata raggiunta dopo una serie di tappe, con immensa fatica solo da una parte del gruppo, composto da componenti della Guardia di Finanza e del Corpo Forestale regionale che riportiamo di seguito: Nicola Leo, 41 anni Gdf; Paolo Bernardini , 43 anni, Gdf; Angelo Cristaudo, 38 anni, (Gdf); Giuseppe Martinico 43 anni; Luca Ferlito, 47 anni Corpo Forestale delle Regione; Salvatore Pulero 47 anni, ispettore di Polizia municipale; Giuseppe Gemmellaro , 46 anni; Orazio Miceli, 46 anni; Pietro La Rosa 38 anni; Giovanni Motta, 49 anni.