Live Sicilia

"Pentito Spatuzza pagato dai pm" aveva detto

Miccichè in Procura a Palermo
"Ho solo fatto un paradosso"


Articolo letto 462 volte


micciché, spatuzza, Politica
E' durato meno di mezz'ora l'interrogatorio del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianfranco Micciché, sentito, nel pomeriggio, come persona informata sui fatti, dai sostituti procuratori della dda di Palermo Nino Di Matteo e Lia Sava. Il politico del Pdl in un'intervista aveva sostenuto che qualcuno - "pm o terze persone" - avesse pagato o istigato il pentito Gaspare Spatuzza che ha reso dichiarazioni contro il senatore Marcello Dell'Utri e il premier Silvio Berlusconi. Oggi, davanti ai magistrati, Micciché ha negato di avere notizia diretta o indiretta che qualcuno abbia pagato, istigato o imbeccato il collaboratore. Il teste ha precisato, inoltre, che le sue parole sarebbero state fraintese e che non aveva intenzione di riferirsi a fatti specifici, ma che il suo era un ragionare per paradossi. (Ansa).

In serata il sottosegretario ha voluto precisare i fatti rispondendo ai commenti che molti lettori di questo sito hanno lasciato. Miccichè ha risposto direttamente con questa nota:"Non posso negare che la vostra notizia mi stupisce un pò. Oggi sono stato in Procura come persona informata sui fatti ed i Procuratori Sava e Di Matteo mi hanno chiesto chiarimenti sulle mie dichiarazioni circa il pentito Spatuzza. Avevo asserito che considerare Berlusconi e Dell’Utri responsabili delle stragi del ‘93 era folle e, per rendere più chiara la mia dichiarazione, ho fatto una similitudine tra paradossi cioè: “è talmente folle immaginare Berlusconi regista delle stragi che allora potremmo anche dire che Spatuzza è pagato dai magistrati”. I due p.m. hanno dato chiara evidenza di avere capito il senso delle mie dichiarazioni e mi hanno congedato. Quindi nessuna marcia indietro! Ma la cosa che più mi stupisce è che a fine incontro, peraltro molto sereno, ho detto che per rendere pubblici i miei chiarimenti avrei pubblicato un post sul mio blog e che ho intravisto nei volti dei due un segnale di disappunto tanto da dovere spiegare le motivazioni di questa mia scelta. Ma poi, proprio per non esasperare il clima attuale, avevo pensato di non pubblicare nulla. Io non ho parlato con NESSUNO. Posso sapere allora come avete avuto questa notizia? Chi vi ha comunicato un mio inesistente pqsso indietro? Io purtroppo non posso convocare nessuno per avere chiarimenti… ma cerchiamo comunque di svelenire il clima e quindi forse è meglio che non rispondiate!".

A Miccichè rispondiamo che la notizia, come peraltro è citato nell'articolo in questione, è un lancio d'agenzia Ansa che abbiamo pubblicato. Come ci fa piacere pubblicare la sua versione dei fatti che contribuisce a rendere più chiara la posizione.