Live Sicilia

La Soprintendenza non informata?

Capodanno al Massimo
"Nessuna richiesta"


Articolo letto 613 volte


Capodanno, palermo, teatro massimo, Cronaca, Cultura e Spettacolo
"Per il Capodanno 2010 serata indimenticabile in uno dei teatri più affascinanti del mondo": annuncia in pompa magna il sito ufficiale del Teatro Massimo di Palermo. Macchè, si tratta solo di un "uso improprio e barbarico del teatro trasformato, seppur solo per una notte, in ristorante e night-club", ribatte tagliente il capogruppo dell'Idv in Consiglio comunale Fabrizio Ferrandelli. Ecco la disputa sull'evento presentato come "la serata più esclusiva dell'anno" che rischia, invece, di trasformarsi in un ennesimo focolaio di polemiche e critiche.

Il gruppo consiliare dell'Italia dei Valori ha già, infatti, presentato una diffida nei confronti del sovraintendente del teatro, il professore Antonio Cognata e del presidente del "Massimo", il sindaco Diego Cammarata (al quale spetta per legge questo ruolo), nella quale si evidenzia che "l'imbarbarimento culturale che ha investito questa città negli ultimi anni si auspicava non arrivasse a profanare anche un tempio di cultura e di arte come il Teatro Massimo". E ancora, proseguono nella nota i consiglieri dipietristi,"risulta falsa e manipolata la notizia -pubblicata all'interno del comunicato di presentazione dell'evento sul sito del teatro- secondo cui altri prestigiosi teatri europei del calibro della Fenice di Venezia e delllo Staatsoper di Vienna organizzino manifestazioni analoghe, visto che queste illustri strutture si limitano ad organizzare "concerti di musica classica, ma di certo non cenoni o feste da ballo".

A rincarare la dose di critiche nei confronti di Cognata ci pensa Davide Faraone, capogruppo dei democratici a Sala delle Lapidi, secondo il quale l'operazione messa in atto dal sovraintendente è non solo "senza senso ma anche potenzialmente dannosa". E nell'interpellanza presentata al sindaco ed alla Sovraintendenza ai beni culturali Faraone, a metà tra il serio ed il faceto, prosegue: "Mi risulta dalla stampa che stanno smontando anche le poltroncine, speriamo solo che non tolgano dall'ingresso pure i leoni per far posto alle cubiste". Ed in effetti, così come risulta dal programma presentato dagli stessi vertici del teatro palermitano, in occasione della notte di San Silvestro, la platea si trasformerà, come per incanto, in una "spettacolare sala da ballo, contornata da 18 tavoli esclusivi" per gli ospiti, che saranno allietati dalle note dei 13 musicisti della Swing Dance Orchestra e dalle prelibatezze gastronomiche realizzate da un noto chef siciliano con biglietti che vanno dai 145 ai 200 euro. E proprio il pericolo di eventuali danni arrecati alla struttura del teatro ,"faticosamente ricostruita e fatta tornare agli antichi splendori nel 1997 " ha indotto Ferrandelli a diffidare il Sovraintendente ed il Presidente dall'utilizzare il Teatro Massimo "per scopi diversi da quelli istituzionali, considerato anche che la Fondazione utilizza non fondi privati, bensì fondi pubblici provenienti dai bilanci comunali".

Intanto la Soprintendenza ai Beni culturali cadrebbe dalle nuvole. Fonti interne consultate da Livesicilia sono state nettissime: "Capodanno al Massimo? Finora non è arrivata alcuna richiesta".