Live Sicilia

L'ex procuratore di Palermo, Giancarlo Caselli

"I beni confiscati all'asta
li ricomprano i mafiosi"


Articolo letto 512 volte

VOTA
0/5
0 voti

beni confiscati, caselli, finanziaria, mafia, Cronaca
"Se i beni confiscati alla mafia venissero messi all'asta, sarebbero i mafiosi stessi a ricompraseli: non ci possono essere dubbi". Il procuratore di Torino, ed ex capo della procura di Palermo, Giancarlo Caselli ne ha parlato oggi a Bari, in occasione del seminario 'Giustizia e politiche antimafia. Bilancio prospettive della lotta alle mafie' organizzato da Link-Udu Bari in collaborazione con Libera. Ha partecipato anche il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola. "Le cautele previste nell'emendamento alla Finanziaria - per Caselli - sono dei propositi, ma difficilmente potranno andare al di là delle belle intenzioni". "Lo dice il governatore della Banca d'Italia - ha spiegato - oggi gli operatori economici in qualche modo collegati alla criminalità godono di una disponibilità economica che non ha confronti: sono ricchissimi. Hanno quindi un vantaggio enorme quando partecipano alle aste pubbliche". Inoltre, ha sottolineato, "i mafiosi hanno infinite possibilità di avvalersi di un esercito di prestanome. E se poi qualcuno non mafioso avesse il coraggio di presentarsi a un'asta in cui si vendono beni confiscati, e che i mafiosi vogliono riprendersi, questo qualcuno sarà invitato, tra virgolette, a farsi da parte". "In una stagione economicamente difficile - ha rilevato - è anche comprensibile l'esigenza di fare cassa. Ma fare cassa in questo modo significa appannare il fiore all'occhiello dell'antimafia e che è un modo straordinariamente significativo ed efficace di coinvolgere l'opinione pubblica nell'antimafia. Perché è la dimostrazione che l'antimafia paga in termini di riscatto, di dignità da parte di moltissimi giovani che cessano di essere sudditi della mafia". "Un risultato importante - ha precisato - che all'estero ora cercano di imitarci". "Se i mafiosi riescono a ricomprarsi - ha concluso - anche solo uno dei beni che gli abbiamo portato via, sarebbe la dimostrazione che sono più forti loro". (Ansa)