Live Sicilia

Decreto dell'assessore regionale Bufardeci

Saldi anticipati al 2 gennaio
Confesercenti: "Non è la soluzione"


Articolo letto 593 volte

VOTA
0/5
0 voti

bufardeci, commercianti, saldi, sconti, Cronaca
La stagione dei saldi 2010 comincierà il 2 gennaio. E' questo l'oggetto di un decreto regionale che porta la firma dell'assessore regionale al Commercio Titti Bufaredeci (PdL). Prima di prendere questa decisione sono state chiamate in causa le associazioni dei consumatori e dei commercianti, i quali avevano già chiesto l'anticipazione rispetto al secondo sabato di gennaio, data inizialmente prevista per i saldi invernali. La soluzione di anticipare il periodo degli "sconti"  è stata ipotizzata dopo avere notato un netto calo dei consumi da parte delle famiglie siciliane, vittime  della crisi.  Il provvedimento quindi avrà valore per il prossimo biennio, "nella speranza di rilanciare i consumi in un momento critico" afferma l'assessore Bufardeci. Commercianti e consumatori sono stati quindi d'accordo, trovandosi tutti un po con l'acqua alla gola. "E' una boccata d'ossigeno, ma non è la strada giusta da percorrere. La continua richiesta di anticipazione dei saldi è sintomo di un malessere socio-economico che avverte la Sicilia e l'Italia tutta" ha detto il presidente regionale della Confesercenti Giovanni Felice. Il basso tenore di vita potrebbe comunque determinare una certa contrazione degli acquisti proprio nel periodo natalizio, in attesa dei saldi. "Bisognerà vigilare che qualche commerciante non faccia il furbetto, applicando sconti sottobanco sin da ora, esperienza sicuramente non inedita per acquirenti e commercianti palermitani"  ha sottolineto Lillo Vizzini, presidente regionale della Federconsumatori.