Live Sicilia

Ospite Niccolò Fabi

Solunto Film Festival 2009


Articolo letto 691 volte

VOTA
0/5
0 voti

cinema, documentari, niccolò fabi, porticello, solunto festival, Zapping
Continuano gli appuntamenti alle Antiche Trizzane di Porticello (Largo Trizzanò 53) per la quarta edizione del Solunto Film Festival, la rassegna internazionale di cinema, arte e musica organizzata dall’itinerario culturale Rotta dei Fenici con il patrocinio del comune di Santa Flavia e dell’assessorato regionale ai Beni culturali.
Per la sezione documentari, domani (lunedì 21 dicembre) alle 18 sarà proiettato in prima visione Mari di Michel Ferra. Ambientato a Porticello, racconta e ritrae i visi e il lavoro dei pescatori della borgata marinara. Martedì (22 dicembre), sempre alle 18, Matar es mio destino, documentario firmato Giovanni Massa; mercoledì (23 dicembre), Isola nuda di Debora Inguglia.
Alle 19, domani e fino a mercoledì, sarà la volta dei cortometraggi in concorso, suddivisi nelle due sezioni tematiche “L’uomo, il mare ed il mondo subacqueo” e la sezione Open a tema libero.
Alle 20,15 per la rassegna cinematografica “Un mare di paura” dedicata agli amanti del genere horror, sarà proiettato su maxischermo Ore 10: calma piatta  di Philip Noyce. Martedì (22 dicembre) allo stesso orario sarà la volta della pellicola di John Huston Moby Dick mentre mercoledì (23 dicembre), sarà proiettato L'orca assassina di Michael Anderson.
L’evento, che quest’anno si avvale della prestigiosa collaborazione della Sicilia Film Commission – Filmoteca regionale Siciliana, si fermerà   giovedì 24 e venerdì 25.
Gli appuntamenti riprenderanno sabato 26 con i “corti” in concorso, il film La terramadre di Nello La Marca e alle 22,30 il concerto di Niccolò Fabi.
Infine domenica (27 dicembre), i “CortiDaMare”, Il cuore dentro il mare di Claudia La Bianca e Lorenzo Varcica di Nico Bonomolo. Premiazione del concorso cortometraggi e proiezione di Viola di mare alla presenza della regista Donatella Maiorca. La rassegna si concluderà alle 22 con il concerto jazz dei Vhelade.