Live Sicilia

I dati di Unioncamere in Sicilia

C'è la crisi, ma le imprese tirano


Articolo letto 562 volte

VOTA
0/5
0 voti

dati, sicilia, unioncamere, Cronaca
In pieno periodo di crisi la Sicilia registra un aumento delle imprese. Questo  quanto emerge dalle elaborazioni sul registro delle imprese effettuate da  Unioncamere Sicilia, che mostra come nei primi undici mesi dell’anno, in  Sicilia le imprese siano cresciute di 842 unità, con 24 mila 253 aperture a  fronte delle 23 mila 411 chiusure.
Prima della classe è risultata Catania, con un saldo positivo di 703 imprese,  che ha visto 5.855 aperture e 5.152 chiusure. Subito dietro Palermo con un  saldo di 697 derivante da 4.963 aperture e 4.266 chiusure. Unica eccezione, tra  le note positive, è stata Trapani  con 671 unità in meno, frutto delle 3.013  cessazioni a fronte 2.366 aperture.
“Il bilancio complessivo della regione è positivo”, ha commentato il  presidente di Unioncamere Sicilia, Giuseppe Pace. “Ciò dimostra- ha continuato  - che i siciliani sono riusciti a fare impresa nonostante il periodo di crisi.  Non solo. La performance di questi ultimi mesi dell’anno continua ad essere in  crescita e questo fa ben sperare per le sorti dell’economia regionale nel 2010.  La fine del tunnel è vicina”.
Nonostante le note positive la crisi ha colpito alcuni settori, come è  avvenuto per la forma più semplice rappresentata dalle ditte individuali.  Questa forma giuridica ha perso per strada 2.925 imprese (-0,91%). Anche le  società di persone hanno registrato un lieve calo dello 0,13% (il saldo tra  aperture e chiusure è di -73 imprese). Il settore più colpito però è stato  quello agricolo.“Dai dati Infocamere - spiega Alessandro Alfano, segretario  generale di Unioncamere Sicilia - risulta che il settore che ha risentito di  più della crisi è stato quello agricolo che ha perso complessivamente oltre
quattromila imprese”. Positivi invece i dati per altre attività: “In base all’analisi della demografia delle imprese ha continuato Alfano - emerge che hanno  tenuto meglio le attività alberghiere, immobiliari e di informatica”.
Rosee, quindi, le previsioni per il futuro: “Le previsioni sono positive:  sembra che il peggio sia passato– ha affermato il segretario generale di Unioncamere Sicilia - Il  2009  è stato un anno duro per l’economia di tutto il paese. La Sicilia ha
saputo reagire mettendo in piedi nuove imprese”.