Live Sicilia

Il messaggio di Raffaele Lombardo

"Noi siamo italiani,
ci trattino come tali!"


Articolo letto 459 volte


, Politica
Il blog di Raffaele Lombardo comincia a marciare. Da ieri è in video un messaggio di auguri che lo staff riassume così. "Dopo avere trascorso la notte di Natale a Giampilieri, località colpita duramente dall’alluvione del primo ottobre scorso, il governatore ha assicurato che 'ci sarà la ricostruzione', pretendendo che, così com’è stato fatto per l’Abruzzo e per Sarno, 'le risorse provengano dallo Stato, facendo fronte anche con quelle siciliane'. A tal proposito, Lombardo farà un appello ai grandi costruttori, chiedendo 'una prova di solidarietà'.

Il presidente della Regione poi ha garantito che il governo siciliano s’impegnerà per 'difendere le professionalità di Termini Imerese', nonché chiederà al presidente dell’Ars la convocazione di una seduta straordinaria, 'anche all’indomani dell’Epifania', affinché attraverso i deputati s’impegni l’esecutivo nazionale ad usare 'un linguaggio unico per tutta Italia', valevole per ogni fabbrica della Fiat, oppure “si trovi una soluzione diversa“, cioé 'venga chiunque e si riparta da uno stabilimento con migliaia di persone che hanno maturato una professionalità che sarebbe un peccato disperdere'.

Insomma, 'se siamo Italia, pretendiamo di essere trattati come italiani, oltre che come siciliani, cosa della quale andiamo orgogliosi'.

Lombardo, altresì, ha voluto rivolgere un augurio forte a tutti i siciliani che 'a dispetto dell’ironia di Marchionne, che vorrebbe la Sicilia trasportata a Torino, si sono recati lì, rinunciando alla famiglia, agli affetti, ai luoghi in cui sono cresciuti, per andare ad arricchire la Fiat e quella economia'.

Il governatore, infine, ha rivolto un messaggio particolare ai tanti emigrati siciliani che vivono in tutto il mondo, le cui scelte dolorose di abbandonare l’isola devono essere uno sprone per 'cambiare le condizioni' del sistema economico, nel quale un imprenditore possa sfondare da noi anziché in 'Germania o in Australia'".