Live Sicilia

Libri

"Libere divagazioni", pamphlet
di Giuseppe Sanfilippo


Articolo letto 1.201 volte

VOTA
0/5
0 voti

giuseppe sanfilippo, libere divagazioni, Zapping
C’è il signor Cesare, il protagonista, che con la moglie vive l’esperienza più esaltante della sua vita: la domenica al supermercato, centro di aggregazione e di straniante godimento, con un carrello personalizzato. Ci sono il signor Cornetto e il signor Papillon che, dopo aver scambiato i propri cani, sono pronti a scambiarsi le mogli. C’è il signor Pirata, “riabilitatore dei morti”, che come secondo lavoro va ai funerali a raccontare bugie sul defunto. Sono alcuni dei personaggi del libro Libere divagazioni, ispirate da un’armonia apparente mentre ne ricercavo il senso di Giuseppe Sanfilippo. Medico legale di professione, l’autore, alla sua prima fatica letteraria, attraverso una galleria di personaggi immaginati o realmente incontrati, mette in scena tutta l’umanità moderna, con i suoi stress, i suoi condizionamenti, le sue maschere, i suoi incubi e il grave malessere esistenziale che provoca atteggiamenti paranoici e compulsivi. Libere divagazioni è un libro che ridicolizza i luoghi comuni, la superficialità, la presunzione, l’ipocrisia, la megalomania dei nostri tempi. Il grottesco, l’ironia, il surreale, il paradosso costituiscono, infatti, le modalità concettuali ed espressive attraverso cui prende corpo il volume. Sanfilippo con un linguaggio immaginifico respinge la chiave realistica e attinge a una dimensione surreale, da Teatro dell’assurdo. A fare da sfondo ai personaggi è la ricerca dei “miti” attuali, come la spesa, il supermercato, il centro commerciale, l’inseguimento spasmodico di un risparmio ingannevole, come prendi tre e paghi due, il rifugio dell’Io in una dimensione onirica reale o artificiale. Libere divagazioni, edito da Paruzzo Printer, è curato da Gino Varsalona, dottore di ricerca in Storia Moderna e porta la prefazione di Francesca Fiandaca Riggi, docente di latino e greco al Liceo Classico “Ruggero Settimo” di Caltanissetta. Verrà presentato dall’associazione “Officina del Libro Luciano Scarabelli” di Caltanissetta sabato 2 gennaio, alle 18 al Teatro comunale, salita Teatro  a Mazzarino (Caltanissetta)
A introdurre la serata sarà Gino Varsalona. Presenteranno Sergio Mangiavillano, scrittore e condirettore della rivista Archivio Nisseno e Antonio Vitellaro, presidente dell’Associazione culturale “Officina del Libro Luciano Scarabelli”. Interverranno i docenti dell’Università di Catania Angelo Chiara di Medicina legale e Alfredo Fisichella di Medicina interna. Coordinerà i lavori Francesca Fiandaca Riggi. Concluderà Giuseppe Sanfilippo, autore dell’opera.