Live Sicilia

Picchì ch'è?

Quell'autobus non parta,
devo parlare col mio amico


Articolo letto 756 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Cronaca
Un giovane di 21 anni è stato arrestato ieri a Palermo dalla polizia per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. La scena si svolge alla fermata del bus in via Perpignano. Marco Simoncelli, questo il nome del ragazzo, in piedi sul marciapiedi parlava con un amico che era sul mezzo. Una conversazione, forse, importante, perché il giovane metteva il piede sulla pedana di ingresso impedendo, quindi, all'autobus di ripartire. Il conducente, con pazienza, gli chiedeva di tirar via il piede. Niente. Allora intervengono alcuni poliziotti in borghese che, qualificandosi, chiedevano al giovane di salire sul bus se voleva continuare a parlare con l'amico o togliere il piede per far ripartire il mezzo.

Simonelli, a questo punto, si sarebbe innervosito e, salendo sull'autobus, ha cominciato a offendere i poliziotti che, a quel punto, gli chiedevano di scendere e mostrare i documenti.  Non l'avessero mai fatto. Il giovane, infatti, aggrediva con calci e pugni gli agenti che sono stati costretti a ricorrere alle visite mediche. Con non poca difficoltà, racconta la polizia, il giovane è stato fermato e arrestato.