Live Sicilia

TAGLIATA DI FACCIA

Barbara e il ministro Castelli
Una lezione sul precariato


Articolo letto 549 volte

Forse qualcuno l'avrà riconosciuta Barbara (Evola). Tra i banchi di scuola era molto ambita per la sua bellezza. Poi ci si accorgeva che era anche molto intelligente e qualcuno, fatalmente, scappava, intimorito. L'abbiamo rivista l'altra sera, Barbara, in tv. Raccontava la storia di una precaria siciliana, con frasi semplici e accorate. Il ministro Castelli ha risposto con qualche generico e non troppo brillante motto di spirito. Si è comportato come quelli che, a scuola, scoprivano che Barbara era molto intelligente. Scappò.


annozero, barbara, roberto castelli, Cronaca
Forse qualcuno l'avrà riconosciuta Barbara (Evola). Tra i banchi di scuola era molto ambita per la sua bellezza. Poi ci si accorgeva che era anche molto intelligente e qualcuno, fatalmente, scappava, intimorito. L'abbiamo rivista l'altra sera, Barbara, in tv. Raccontava la storia di una precaria siciliana, con frasi semplici e accorate. Il ministro Castelli ha risposto con qualche generico e non troppo brillante motto di spirito. Si è comportato come quelli che, a scuola, scoprivano che Barbara era molto intelligente. Scappò.