Live Sicilia

La conferenza stampa del sindaco

Cammarata vs Lombardo:
"Non si cura di Palermo"


Articolo letto 587 volte


amia, diego cammarata, lombardo, Cronaca
"Lombardo in questi due anni non si è mai occupato di Palermo": è questa la denuncia di Diego Cammarata, che questa mattina ha incontrato la stampa per il consueto appuntamento di fine anno, posticipato a causa di un infortunio della portavoce, Donatella Palumbo. La bufera Amia è stata ancora una volta al centro delle dichiarazioni del primo cittadino, che ha detto: "Sarebbe buona norma che il governatore di una regione si relazionasse frequentemente col sindaco del capoluogo. Purtroppo non posso dire che questo sia successo con assiduità. La questione Amia non era un problema personale di Diego Cammarata, Lombardo avrebbe dovuto essere più presente". Oltre alle polemiche, Cammarata ha approfittato del momento degli auguri per illustrare i buoni propositi per l'anno nuovo e anticipare delle novità sul servizio di spazzamento stradale gestito da Amia, di cui si avranno maggiori dettagli nei prossimi giorni. In un ping pong di battute e dichiarazioni tra il primo cittadino e Gaetano Lo Cicero, a capo della municipalizzata d'igiene ambientale, i due hanno illustrato i nuovi progetti per la città: la normalizzazione del servizio di raccolta rifiuti in primis, il miglioramento qualitativo, per l'appunto, nel servizio di spazzamento stradale e, dulcis in fundo, la differenziata. "Sulla differenziazione dei rifiuti - ha precisato Lo Cicero, chiamato in causa dallo stesso Cammarata - stiamo portando avanti un progetto di informazione e sensibilizzazione nel quartiere Libertà, che vede protagonisti un centinaio di studenti universitari impegnati nel porta a porta informativo tra gli abitanti. Siamo partiti dalla via Emilia, contiamo di raggiungere circa 15.000 abitanti al mese". Sulle nuove azioni politiche da intraprendere, Cammarata ha poi aggiunto: "Cultura, edilizia scolastica e riqualificazione urbana saranno i nodi centrali della politica cittadina di questo 2010. il Ministero per le Attività culturali ha rifinanziato il Kal's art, con un progetto complessivo da 1,5 milioni di euro, per il quale ho già coinvolto Philippe Daverio".

Sempre sul governatore Lombardo, infine, Cammarata ha ricordato: "Prima di essere eletto presidente della Regione, Raffaele Lombardo aveva firmato con il Comune un documento riguardante alcune opere da finanziare a Palermo, tra cui il collettore, i ponti di Perrault e tratti della metropolitana, ma non l'ho più visto. L'ultimo episodio si è verificato la settimana scorsa, quando ho provato a chiamare il governatore, ma senza risposta. Poi un sms. Il giorno successivo la sua telefonata: 'so che mi avevi cercato'".