Live Sicilia

PALERMO

Commemorato Giuseppe Di Matteo


Articolo letto 403 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Le brevi
E' stato ricordato, al centro diurno "11 settembre", a San Giuseppe Jato (Palermo), il piccolo Giuppe Di Matteo, figlio del collaboratore di giustizia Santino, ucciso l'11 gennaio del 1996, dopo un lungo sequestro. Alla manifestazione, a cui hanno partecipato alunni di alcune scuole, erano presenti il presidente della Provincia di Palermo, Giovanni Avanti, i sindaci di San Giuseppe Jato, Giuseppe Siviglia e di Altofonte, Vincenzo Di Girolamo, il presidente del Consorzio Sviluppo e Legalità e sindaco di San Cipirello, Antonino Giammalva, Nicola Mannino del Parlamento della Legalità, i rappresentanti della sezione di Palermo dell'associazione nazionale della polizia, autorità civili e militari. Nel corso dell'incontro si è tenuta anche l'esibizione degli "Atropidi Sgattaiolati", il gruppo formato dagli alunni e gli insegnanti della scuola elementare "Filippo Raciti" di Palermo ai quali il presidente Avanti ha consegnato una targa. "La presenza di questi ragazzi che oggi gremiscono questa sala mi riempie di gioia - ha detto -, dimostrano che Giuseppe vive, nel nostro ricordo, nel nostro impegno, in questi giovani. Ho promesso il mio concreto impegno per realizzare al più presto la strada che rende più agevole l'arrivo al Giardino della Memoria, il luogo nel quale Giuseppe è stato rinchiuso e ucciso e che adesso deve essere cuore pulsante dell'impegno antimafia di tutto il territorio". "E' importante che tanti giovani studenti - ha concluso - possano visitare quel luogo che dimostra da una lato la barbarie della mafia, le sue atrocità e dall'altro rappresenta uno dei simboli del riscatto della nostra terra".