Live Sicilia

Fiat di Termini Imerese, la scheda

Quarant'anni fa la prima Cinquecento


Articolo letto 481 volte

VOTA
0/5
0 voti

Da quarant'anni la fabbrica di Termini Imerese, cittadina a 38 chilometri da Palermo, fa parte del gruppo Fiat. La prima vettura prodotta e' una Cinquecento che esce dai cancelli dello stabilimento il 19 aprile 1970. Da allora altri modelli storici della casa torinese sono stati realizzati in Sicilia: la 126, la Panda, la Punto e, oggi, la Lancia Ypsilon.

- PRIMO NOME SICILFIAT. La costruzione della fabbrica inizia nel 1968, sulla spinta delle grandi lotte operaie del tempo: il primo nome e' Sicilfiat perche' la Regione Sicilia detiene il 40% del capitale, ma l'intervento pubblico cessa presto e il primo novembre 1970 lo stabilimento diventa tutto Fiat. All'inizio i dipendenti sono solo 350, ma quando nel 1979 entra in produzione la Panda raggiungono quota 1.500 e si lavora su tre turni. A meta' degli anni '80 si arriva a 3.200 lavoratori.

- ARRIVA LA TIPO E LA CIG. La prima ristrutturazione e' del 1993, anno in cui si produce la Tipo, quando parte la cassa integrazione straordinaria e il numero dei lavoratori inizia a scendere. Nel 2002 con l'espulsione di 223 dipendenti, si parla per la prima volta di chiusura della fabbrica ma le lotte operaie e la mobilitazione politica salvano la fabbrica.

- OGGI SFORNA 380 AUTO AL GIORNO. Oggi lo stabilimento siciliano conta 1.400 dipendenti, tra operai e impiegati, che con quelli dell'indotto arrivano a oltre 2.000 e produce 380 vetture al giorno su due turni. Tra i fornitori locali ha la Plastic Component e la Lear, mente altri componenti provengono da fuori (80% dall'Italia e 20% dall'estero).

- LE VOCI SUL FUTURO. Il piano di Marchionne prevede che la fabbrica smetta di produrre auto nel 2012. L'indiana Tata ha smentito un suo interesse a rilevare lo stabilimento, mentre contatti ci sarebbero stati tra il governo e il gruppo cinese Chery. Altro possibile acquirente l'imprenditore e finanziere siciliano Simone Cimino, presidente di Cape Natixis Sgr e promotore di una presunta cordata italiana per produrre auto ecologiche a Termini Imerese.