Live Sicilia

La giunta: "Snellire gli assessorati"

Ridotti i componenti dei gabinetti
Un esterno e due interni in meno


Articolo letto 542 volte

VOTA
0/5
0 voti

assessorati, componenti, gabinetti, lombardo, Dal Palazzo, Politica
Nell’ambito di una razionalizzazione di costi delle strutture amministrative della Regione siciliana, la giunta regionale di governo, riunitasi oggi, ha deciso un’ulteriore riduzione dei componenti dei gabinetti degli assessorati: un esterno e due interni in meno. Il numero dei membri degli uffici di gabinetto era già stato ridotto del 30% al momento dell’insediamento del governo Lombardo, nell’estate del 2008. Questo, in attesa di una legge di riordino della materia, per cui il governo ha già predisposto un disegno di legge.
È stato ribadito che i componenti dei gabinetti sono assoggettati, come tutti gli altri dipendenti regionali, agli orari d’ufficio. La giunta ha, inoltre, deciso di inserire gli obiettivi specifici di governo da raggiungere nei contratti tipo stipulati con i direttori generali, attraverso un confronto con gli assessori interessati.
Dopo ampia discussione e sentite le relazioni degli assessori Centorrino e Leanza, la giunta ha dato mandato al presidente Lombardo affinchè intervenga sul governo nazionale per sollecitare norme opportune per la reiterazione del concorso per dirigenti scolastici siciliani.
La giunta ha approvato la rimodulazione dei criteri di selezione delle linee di intervento del Po Fesr 2007/13 relative al turismo, ai beni culturali e alle attività produttive; adesso potranno partire i relativi bandi. Sono state rimodulate le risorse per l’assistenza tecnica delle linee di intervento che riguardano l’energia e le attività produttive, così da attivare bandi per circa 500 milioni di euro.
In materia di protezione civile, è stato approvato un elenco di opere prioritarie per un importo di 10,5 milioni di euro da finanziare con le risorse residue dell’Apq Sviluppo locale. È previsto, tra l’altro, il rifacimento del tratto della Sp 28, nei pressi di Enna, danneggiata da una frana, e la messa in sicurezza di alcuni edifici scolastici.
Infine, è stato istituito il Servizio turistico di Taormina, che si aggiunge ai nove esistenti, uno per ciascuna provincia.