Live Sicilia

Al "Medi" di Palermo. Emergenza allagamenti

Maltempo, crolla muro a scuola


Articolo letto 508 volte

VOTA
0/5
0 voti

maltempo, palermo, sicilia, Cronaca
State a casa, se potete, perché la città è bloccata, in tilt, non percorribile. La pioggia che cade fitta su Palermo dalle sei di questa mattina ha causato allagamenti in varie zone della città e danni. Ecco una piccola mappa dei disagi da evitare.

Via Messina Marine in tilt
Tra le zone in titl c'è via Messina Marine, dove l'accesso pedonale dell'ospedale Buccheri La Ferla è stato reso impraticabile dall'acqua. Il centralino dei vigili del fuoco ha ricevuto 60 richieste di intervento in un'ora, dalle 8 alle 9.

Vigili del fuoco in via La Malfa e via Belgio
Quindici le situazioni maggiormente critiche che hanno impegnato i pompieri con le idrovore, in particolare sulla circonvallazione nei tratti di via Ugo La Malfa e del sottopasso di via Belgio. Non si cammina.

Acqua alta a Mondello
Specialmente colpita la borgata balneare di Mondello, dove la viabilità è molto difficile con diversi centimetri d'acqua in molte strade. Una decina gli automobilisti rimasti bloccati e soccorsi dai vigili del fuoco. Difficoltà anche in due scuole elementari, la 'Rutelli' di via Paruta e quella di Capaci, nei pressi della città, dove gli alunni non hanno potuto entrare a causa degli allagamenti formatisi attorno agli edifici scolastici.

Crolla un muro a scuola
Oggi, intorno alle 13.20, un muro perimetrale dell'Ipsia "E.Medi" di Palermo è crollato, a poca distanza dalla palestra dell'istituto, pare danneggiato dalla pioggia. Danni in tutto il piano interrato della scuola che si è allagato. Nell'istituto è stato avvertito un grande boato: molti studenti hanno pensato a un terremoto e sono usciti per le scale di emergenza. "Questa è la dimostrazione che a Palermo ci sono scuole di serie A e scuole di serie B - dice Camillo Terminelli, portavoce del coordinamento Studenti in movimento - lo abbiamo urlato nei nostri cortei che la situazione è grave, la Provincia deve confrontarsi sempre di piu' con noi studenti".