Live Sicilia

La voce dei lettori

Puzza, buio, liquami
Ma che bella "squola"


Articolo letto 407 volte

Fin dove è possibile che arrivi il degrado delle scuole di Palermo. Quella che segue è la testimonianza di un genitore.Una testimonianza accorata, precisa e dettagliata. Leggere per credere.

VOTA
0/5
0 voti

scuola marconi, Cronaca
Cara Livesicilia, vorrei segnalarti la situazione di degrado della succursale della scuola Marconi ubicata nei locali del plesso accanto l'Ospedale CTO di piazza Alcide De Gasperi a Palermo - nel cuore della "Palermo Bene".
Oggi, parecchi genitori degli alunni, aspettando sotto l'ombrello assieme ai ragazzi, sotto una pioggia battente, l'orario di apertura della scuola, (8,00) hanno avuto l'amara sorpresadi trovare la medesima scuola chiusa,  perchè mancava la luce. Sembrerebbe una cosa normale, ma normale non è, in quanto tutte le abitazioni circostanti erano alimentate, ciò significa che la scuola aveva un guasto all'interno. A prima vista sembrerebbe una cosa normalissima che ogni tanto qualcosa non funzioni, ma se tutti sapessero che il telefono a tale scuola è stato allacciato soltanto pochi giorni, sotto sollecitazione di alcuni genitori nei confronti dell'assessorato competente, la cosa inizia a sembrare ancora più sorprendente. Se poi evidenziassimo che poco tempo dopo l'apertura dell'anno scolastico, a fronte del cattivo tempo la scuola era stata evacuata per diversi giorni in quanto le aule erano diventate inagibili iniziamo a comprendere che qualcosa continua a non funzionare. Se poi diciamo anche che l'evacuazione dei locali, di cui parlavamo era anche avvalorata dal fatto che la scuola era invasa da liquami provenienti da un sistema fognario sotto l'edificio scolastico, la storia continua ad essere appassionante. Non vogliamo comunque escludere dal romanzo neanche il fetore del lunedì mattina dopo le partite del Palermo in casa, in quanto nella piazza antistante la scuola, vengono ubicati gli orinatoi per tutti i tifosi, a volte capita che sia occupato il box orinatorio, ed allora che si fa ..."facciamola a terra, tanto chi vuoi che se ne accorga", ed i bambini si ritrovano il lunedì mattina ad entrare a scuola con le scarpe intrise di urina, magari poi gli cade anche la penna a terra, che meticolosamente viene presa e magari portata anche in bocca mentre attentamente si segue la lezione. Tutto questo avviene nello splendido scenario del quartiere cosidetto "Quartieri alti o Palermo bene". Noi genitori aspettiamo comunque che qualcuno ci faccia vedere il certificato di agibilità della scuola... ci sarà?. Non vorremmo approfittare di questo spazio per dire altro, ma se ci fosse la possibiltà diremmo che pochissimo tempo fa i ragazzi sono rimasti intossicati e molti finiti in ospedale ed altri soccorsi dal 118 per una esalazione di trielina che proveniva dal condominio adiacente. Quale è la colpa che devono espiare i ragazzi per essere stati iscritti alla Marconi?
Lettera firmata