Live Sicilia

Le "rivelazioni" di Massimo Ciancimino

L'importanza di chiamarsi Vito


Articolo letto 515 volte


mafia, massimo ciancimino, provenzano, vito ciancimino, Cronaca
Perché parla Massimo Ciancimino? Perché parla il figlio di don Vito rivelando anche retroscena raccapriccianti, come le punizioni comminategli dal padre che lo legava a una catena? Se vale il principio della presunzione di non colpevolezza, invocato da molti, parallelamente a esso viaggia la presunzione di buona fede. A maggior ragione di fronte a dei pubblici ufficiali come i magistrati. Così la risposta all'interrogativo ha un nome e un cognome: Vito Ciancimino, il figlio di Massimo.
Don Vito nei suoi ultimi scampoli di vita avrebbe avuto un rapporto più aperto col figlio Massimo, al quale avrebbe confidato (quasi) tutti i suoi segreti. Uno parlava, l'altro scriveva. L'idea era quella di fare un libro. Perché? "Lui diceva che doveva essere conservato a futura memoria di chi si chiamava Vito Ciancimino - racconta Massimo - dice: 'se ci sarà uno di voi che chiama il figlio...', perché fondamentalmente lui non l’aveva chiesto mai a nessuno di chiamare, perché dice, 'capisco che è un nome ingombrante, però se c’è uno che lo farà, penso che sia giusto e doveroso che questo patrimonio di appunti, di cose, sia di questa persona, per dare una realtà storica e una visione diversa da quello che è Vito Ciancimino".
L'ex sindaco e assessore del sacco di Palermo, quello che ha abbattuto le ville liberty in centro per farci palazzoni di cemento armato, sosteneva - secondo quanto racconta Massimo Ciancimino - di essere "il figlio di un sistema", "in mezzo a un sistema" che lo costringeva e lo agevolava ad operare nella maniera in cui ha fatto. E si dannava. Perché la magistratura puntava l'attenzione sulla classe politica invece di rivolgerla verso "la Palermo per bene che agevolava il Provenzano e dove il Provenzano si muoveva molto bene". Perché 'Binnu u tratturi' "godeva di un trattamento di favore da parte di tanti conosciuti come 'Palermo Bene'" rivela Ciancimino jr. Quella classe contro cui ora si è rivoltato.
"Non ne potevo più dell'ipocrisia dei palermitani. Quelli come Cuffaro che hanno fatto finta di non conoscermi - dice Massimo in un'intervista a 'Il Fatto' spiegando la sua scelta di parlare - Ce l'ho con quelli che prima facevano la fila per venire a Panarea sul mio elicottero e dopo l'arresto, fingevano di non conoscermi. L'avevo già provato nel 1984 - continua - quando era stato arrestato mio padre ma quando l'ho visto sulla pelle di mio figlio, che non veniva più invitato alle feste, e di mia moglie non ce l'ho fatta".
E ha parlato, quando le domande gli sono state poste. Ora ha una vita blindata e collabora con le procure di mezze Italia mentre è stato condannato in appello per riciclaggio. Ora però facciamo in modo che il piccolo Vito Ciancimino, nipote del defunto "Don" non debba scontare anche questo peso e su di lui spegniamo ogni luce.