Live Sicilia

I migranti sfrattati: "Trattati come animali"

E in città arriva il delegato dell'Unhcr


Articolo letto 571 volte

VOTA
0/5
0 voti

alto commissariato onu rifugiati, laboratorio zeta, palermo, unhcr, Cronaca
"Sono venuto in Italia perché pensavo che qui avrei trovato un Paese democratico. Ma è democratico trattarci come animali e costringerci a dormire per strada?". Lo dice Ibrahim Musa, 35 anni, uno dei 25 sudanesi ospitati nel centro sociale Laboratorio Zeta. Musa è arrivato a Palermo nel 2003 e ha trovato lavoro in un phone center in via Maqueda. "I palermitani non sono razzisti - continua Musa - sono stato accolto bene, con grande generosità e solidarietà. I cattivi sono le istituzioni che da un giorno all'altro ci buttano per strada". La pensa allo stesso modo Saib Tair che ha lasciato nel suo Paese una moglie e due figli "Ho dormito in tenda con altri tre compagni. Non so dove andare. Non ho una casa. Qua era la mia casa. Questo è un governo razzista". "Qua è come Rosarno - continua -. A Palermo non ci sono servizi per immigrati, non ci sono strutture di assistenza e possiamo fare affidamento solo su strutture di volontari come il laboratorio Zeta". "Cosa faranno ora - continua Zaher Darwish, responsabile provinciale Cgil immigrati - tutti questi rifugiati politici? Dove andranno? Non c'é nulla in città. Non possono certo andare nella struttura di Biagio Conte che è costantemente al collasso". "Aspettiamo dalla prefettura l'assegnazione di un alloggio provvisorio - continua - ma queste persone non hanno bisogno solo di un dormitorio ma anche di un centro ricreativo dove si organizzino anche iniziative culturali. Nel laboratorio avevano un punto di riferimento: ora si sentono svuotati anche della loro identità". Intanto in via Boito è arrivato un delegato dell'Alto commissariato dell'Onu per i rifugiati che sta parlando con i 25 sudanesi.