Live Sicilia

CASO CONTRADA

Grasso: "Attenuata pericolosità sociale"


Articolo letto 406 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Le brevi
Le condizioni di salute di Bruno Contrada" inducono a ritenere "attenuata la sua pericolosità sociale" e "da questo punto di vista deve ritenersi che non vi siano da segnalare elementi concreti in merito all'eventuale persistente collegamento con la criminalità organizzata". Lo afferma il procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso, in una valutazione espressa al Tribunale di sorveglianza di Palermo che il prossimo 26 gennaio dovrà decidere sulla proroga o meno degli arresti domiciliari per gravi motivi di salute per l'ex dirigente generale della polizia di Stato. La dichiarazione della Dna è firmata, oltre che da Grasso, dal sostituto procuratore Alberto Cisterna. L'ex funzionario del Sisde, che ha 77 anni, sta scontando nella propria abitazione di Palermo una condanna a 10 anni di reclusione per concorso esterno all'associazione mafiosa. Il suo legale, l'avvocato Giuseppe Lipera, ha chiesto il differimento della pena. Per Contrada davanti la Corte d'appello di Caltanissetta è ancora pendente la nuova istanza di revisione del processo dopo che la Cassazione ha ritenuto competenti i giudici nisseni e non quelli di Catania.