Live Sicilia

In libreria e con "S" dal 23 gennaio

"Nel nome del padre": i verbali
e i segreti di Ciancimino jr


Articolo letto 581 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Cronaca
Gladio e Ustica, le stragi del ’92 e i misteri della latitanza di Provenzano, i delitti Mattarella e Reina e il sequestro Moro, le tangenti ai politici di ieri e di oggi. Ma anche gli sfoghi privati e le “lezioni” su mafia e dintorni di Don Vito Ciancimino, il politico corleonese che aiutò i carabinieri a scovare Totò Riina. E poi: i rapporti con i servizi segreti e quelli con l’Arma, le tante fughe di notizie, le minacce e i progetti di morte per i politici che avevano “tradito”, i rapporti con Dell’Utri e Berlusconi. C’è tutto questo e altro ancora nei 23 verbali e nella valanga di pizzini che Massimo Ciancimino ha firmato e consegnato ai magistrati della Procura di Palermo. Un’enorme mole di documenti e rivelazioni che stanno facendo riscrivere la storia degli ultimi 40 anni e tremare quel pezzo di Palermo che ha avuto a che fare con Don Vito. Tanti personaggi citati con nome e cognome.

I verbali sono stati raccolti dalla casa editrice Novantacento, che li pubblica integralmente in un libro-documento in libreria da sabato 23 gennaio 2010: “Nel nome del padre” (368 pagine, 9,90 euro), ripercorre tutta la storia della collaborazione di Massimo Ciancimino, dalle prime parziali ammissioni fino alla consegna del “papello” e agli interrogatori di un mese fa sui rapporti fra mafia e politica.

A Palermo il libro sarà distribuito anche con il mensile “S”, il magazine che guarda dentro la cronaca, al prezzo promozionale di 6,90 più il costo della rivista.