Live Sicilia

La protesta di Franco Piro

"Una nuova colata di cemento"


Articolo letto 592 volte

VOTA
0/5
0 voti

cemento, franco piro, piano casa, Cronaca
"Il disegno di legge approvato dalla commissione Ambiente dell'Ars ha poco a che vedere con un piano casa, che dovrebbe innanzitutto dare una casa alle centomila famiglie siciliane che non ce l'hanno, e non contiene previsioni che possano dare il via ad una seria riqualificazione dell'edilizia esistente". Lo dice Franco Piro, componente della direzione regionale del Pd. "Al contrario - spiega Piro - c'é il rischio che si origini una nuova colata di cemento soprattutto nelle già intasate zone di residenza stagionale. Inoltre viene consentita anche la demolizione e la ricostruzione di edifici non residenziali e in sanatoria, andando ben oltre i contenuti della intesa siglata tra Stato, Regioni ed autonomie locali che non prevede alcuna delle due cose". "Addirittura - aggiunge Piro - vengono previste doppie premialità di cubatura (quella sanata e quella nuova) e premialità sotto forma di fortissimi sconti sui contributi di costruzione che rappresentano entrate proprie dei comuni e non possono essere toccati dalla Regione se non predisponendo gli opportuni finanziamenti compensativi". Per Piro "questo testo andrà sottoposto ad una attenta riscrittura se non si vuol perdere l'occasione per orientare l'edilizia residenziale siciliana verso la sostenibilità ambientale e, per questa via, sostenere l'economia siciliana".