Live Sicilia

Arte

Emotions made in Sicily
sbarca a Tunisi


Articolo letto 561 volte

VOTA
0/5
0 voti

emotions made in sicily, poesia, tunisi, Zapping
Il 2010 dovrebbe suggellare l'avvio dell'area di libero scambio nel Mediterraneo. Nel frattempo che la politica perfezioni le regole e adatti i suoi ritmi per le decisioni definitive, l'arte ha già stretto le mani tra i popoli e avvicinato le esperienze culturali. La mostra fotografica-poetica dei trapanesi Pietro Barbera, per le poesie e Carlo Foderà, per le foto, a "Casa Sicilia", palazzo Dar Bach Hamba di Tunisi, gestita dalla Fondazione Orestiadi di Gibellina, nel mese di Gennaio 2010 rappresenta solo l'avvio di un progetto più ampio denominato Emotions Made in Sicily, promosso con l'Associazione Amici della Terra. Il progetto ha lo scopo di veicolare iniziative culturali che valorizzino la Sicilia e la pongano all'attenzione del mondo. Il suo obiettivo è presentare 'emozionalmente' la nostra terra, con le peculiarità e le sensazioni che solo essa sa suscitare, stimolando la memoria e l'interesse a visitare la nostra isola al centro del mediterraneo, nonché creare e fruire i prodotti tipici della nostra cultura (letteratura, film, fotografia, gastronomia, natura, arte, mostre, eventi ...) tali da valorizzare il nostro territorio. La mostra è stata allestita nella cappella del palazzo storico che fu della nobile famiglia Bach Hamba presentando 35 pannelli fotografici, 100x70cm, con commenti poetici. I soggetti degli scatti di Foderà spesso sono manifestamente concepiti nel proprio sguardo, nella unicità della propria sensibilità di osservatore; ed è lì che essi divengono materia artistica, prima ancora che nel "racconto" tecnico, nel click. Egli escogita e ricrea prospettive e armonie, divenendone artefice. Anche il "controcanto" di Barbera, con i suoi commenti poetici, manifesta la prevalenza dell'elemento visivo, della narrazione di cose viste. Ma in entrambi, ciò che è "visibile", l'epidermide della visione e della parola, ansima, respira, palpita, riflettendo la vigile presenza degli autori. La ditta Euwork Italia ha sponsorizzato l'evento, con il patrocinio dell'Assessorato Agricoltura e Foreste della Regione Sicilia.

L'iniziativa ha riscosso entusiasmo tra gli artisti e intellettuali tunisini presenti all'inaugurazione, tanto da voler continuare un processo di gemellaggio permanente. Gli autori prevedono un itinerario estero per la mostra, ricevendo proposte per esposizioni a Bruxelles, Germania fino all'Argentina e altri paesi dove la comunità siciliana è attiva e presente.