Live Sicilia

Messina. Primi movimenti intorno alla grande opera

Ecco quelli del Ponte


Articolo letto 498 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Cronaca
Dopo l’apertura dei cantieri per la variante ferroviaria di Cannitello a Villa San Giovanni, lo scorso 23 dicembre, Eurolink, l’associazione temporanea di imprese, contraente generale dell’appalto per la progettazione e la costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina pianta bandiere anche a Messina. Dirigenti e tecnici di Eurolink hanno incontrato in riva allo Stretto, i vertici di Confindustria Messina per discutere l’organizzazione nel territorio della base operativa del gruppo. Entro sei mesi – fanno trapelare da Impregilo, capofila dell’Ati – saranno aperti a Messina gli uffici della holding finanziaria e con le aziende del settore delle costruzioni che operano in città sarà necessario avviare le intese per la formazione permanente del personale: 6000 lavoratori impegnati nei cantieri che, come prevede il contratto siglato dalla Stretto di Messina spa e il general contractor, dovranno essere adeguatamente professionalizzati. Sulla formazione la società del Ponte guidata dall’amministratore delegato Pietro Ciucci, già nel 2004 aveva firmato specifici accordi con i sindacati per garantire sia la sicurezza nei luoghi di lavoro che la qualificazione professionale. L’incontro con l’associazione degli industriali della provincia di Messina, la scorsa settimana, serve anche a predisporre le prime intese per la sigla di contratti di fornitura dei materiali con le aziende specializzate. Sul tavolo  anche un piano completo per l’assistenza sul territorio degli stessi operai che saranno impegnati da Messina fino a Venetico, dove è prevista un’area di cantiere per lo smaltimento e lo stoccaggio degli inerti provenienti dal movimento terra in riva allo Stretto.
Ieri, invece, tecnici e funzionari della Stretto di Messina spa, insieme al responsabile dell’Ufficio Ponte del comune di Messina, Giovanni Caminiti hanno effettuato sopralluoghi nella sede del Palacultura e all’Università per verificare l’idoneità e la disponibilità di locali alla presentazione del progetto. Dopo la “prima” a Varapodio, in provincia di Reggio Calabria, lo scorso 11 gennaio, infatti l’ad Pietro Ciucci intende organizzare in riva allo Stretto una giornata di incontri per illustrare l’intero programma di lavori. Alla manifestazione saranno presenti gli stessi vertici aziendali di Eurolink, i dirigenti della Fenice spa, l’associazione di imprese che si è aggiudicata la gara di monitore ambientale, i funzionari della Parsons Transportation Group, società statunitense che ha vinto l’appalto per il Project management consultant con il compito di verificate la progettazione definitiva ed esecutiva del Ponte sullo Stretto e dei suoi collegamenti stradali e ferroviari. E.F.