Live Sicilia

Pietro Crisafulli e Salvatore, paraplegico dal 2003

"Siamo rimasti soli
Farò morire mio fratello"


Articolo letto 767 volte

VOTA
0/5
0 voti

belgio, eutanasia, iniezione, pietro crisafulli, salvatore crisafulli, Cronaca
"Siamo rimasti soli e non possiamo più aiutarlo, perché Salvatore ha bisogno di aiuto 24 ore su 24. Non possiamo fare altro, ci hanno abbandonati al nostro destino, allora meglio farlo morire: lui è al corrente di questa nostra decisione ed è d'accordo". Così Pietro Crisafulli annuncia "un viaggio della morte per suo fratello", paraplegico di 45 anni, entrato in coma nel settembre del 2003 in seguito a un incidente stradale e risvegliatosi nell'ottobre del 2005, che, dice, porterà in Belgio per fargli praticare l'eutanasia visto che "da sette anni mi promettono un piano ospedaliero personalizzato a casa, che non è stato mai realizzato" Già in passato Pietro Crisafulli aveva annunciato di "staccare la spina" degli strumenti che tenevano in vita sua fratello Salvatore (nella foto) e si era schierato "per tenere in vita Eluana Englaro". Un paragone che però l'uomo respinge: "la mia non è una battaglia per la morte - afferma - ma per la vita". "Io farò tutto questo - aggiunge - e camminerò con la testa alta perché ho combattuto per la vita di mio fratello. Lui non morirà di stenti, ma se ne andrà via dormendo".
Pietro Crisafulli accusa "la politica, dal premier al presidente della Regione Siciliana, di avere promesso senza mantenere". "Adesso - aggiunge - quando porterò mio fratello in Belgio con un camper il governo dovrà intervenire in extremis, come ha fatto con Eluana Englaro, per salvare la vita di Salvatore". Crisafulli accusa anche "la Chiesa di non avere fatto alcunché" per suo fratello . Intanto, La Commissione parlamentare d'inchiesta sul Sistema sanitario nazionale ha avviato un'istruttoria sulle condizioni di assistenza di Salvatore Crisafulli, attivando in queste ore un'ispezione dei NAS dei carabinieri. Ad annunciarlo è il presidente della Commissione d'inchiesta del Senato, Ignazio Marino.