Live Sicilia

L'ex giudice

Carnevale: "Non ricordo
il ricorso di Ciancimino"

Lunedì 01 Febbraio 2010 - 16:36
Articolo letto 285 volte

Condividi questo articolo

VOTA
0/5
0 voti
"Non sono in grado di dire se tra i tanti ricorsi di cui si sono occupati i collegi da me presieduti ci sia stato anche quello del signor Ciancimino. Se così è stato, si è trattato di una delle 8000-9000 decisioni sui ricorsi trattati sotto la mia presidenza. Posso però escludere con assoluta certezza che qualcuno me ne abbia mai parlato". Il giudice di Cassazione Corrado Carnevale replica in questi termini alle affermazioni fatte oggi da Massimo Ciancimino, figlio del sindaco mafioso di Palermo Vito, nel processo al generale Mario Mori. "Nel periodo 1983-1992 - spiega Carnevale - come presidente e poi come presidente titolare della prima sezione penale della Suprema Corte non ero un giudice unico: c'erano 30-35 consiglieri e 4-5 presidenti di sezione me compreso. La Cassazione non è un tribunale o la Corte di Appello, dove i collegi sono fissi. E la ragione è che i ricorsi di cui si occupa vengono decisi in una unica udienza". Il giudice sottolinea: "Se il ricorso mi fosse stato segnalato me lo ricorderei, supposto che quel ricorso sia stato deciso da un collegio da me presieduto. Io ho il record storico di permanenza in Cassazione, quasi dieci anni nella prima sezione penale. E' stato un lunghissimo periodo e non escludo che possa essermi occupato anche del ricorso del signor Ciancimino ma ribadisco che, se così è stato, nessuno ha richiamato la mia attenzione su di esso".



Segnala il commento