Live Sicilia

Lombardo sul suo blog

"L'Ikea a Termini Imerese?"


Articolo letto 1.737 volte

Ieri sul blog del governatore è stata pubblicata un'intervista rilasciata alla "Sicilia" di Catania. Molti gli spunti interessanti. Ecco perchè Livesicilia, oggi, ha deciso di riproporre il sunto apparso sul sito del presidente.

VOTA
0/5
0 voti

, Cronaca, Politica
Raffaele Lombardo ha rilasciato una intervista al quotidiano La Sicilia. Toccati vari temi d’attualità politica. Eccone alcuni:

Ikea a Termini Imerese: “Ho l’impressione che la Fiat non solo se ne voglia andare, ma che intende cedere lo stabilimento all’Ikea. È solo un sospetto“, aggiungendo che “l’Ikea può venire perché ormai di falegnami non se ne trovano più e non fa una grande concorrenza, al contrario basta con la grande distribuzione alimentare, che non è che nuoce solo al piccolo commercio, ma anche alla produzione”.

Ente Porto di Messina: “Ho fatto bene a non scioglierlo. È vero che ha un solo dipendente, è vero che aveva 15 consiglieri e ora ne ha uno solo, ma ha un patrimonio non indifferente, un terreno importante. L’Autorità portuale intendeva acquisire i beni dell’ente porto. Ecco perché io non l’ho sciolto, per evitarne la spoliazione. Appartiene alla Regione”. Cosa farne? “Lì si può esercitare la funzione di porto franco con una convenzione Stato -Regione”.

L’architetto Zapparatta e il consorzio autostrade: “È un professionista efficiente e affidabile. Sta risolvendo un sacco di problemi lasciati dal consiglio di amministrazione e sta facendo un’altra cosa importante: sta preparando, d’accordo con Anas, il ministero e l’assessore Gentile, una convenzione perché si faccia una società, le cui quote di minoranza, il 49%, vengano messe sul mercato, com’è stato fatto in Veneto”.

CineSicilia: “Micciché ha un pallino, il cinema. Mi posso bisticciare con Gianfranco? No“.

Museo Paul Getty a Catania: “Ho incaricato il direttore regionale dei Beni Culturali Campo e l’assessore Armao di una missione: un grande museo a Catania”.

Il Pd e il governo: “Il partito democratico darà una mano alle riforme da fare che sono necessarie. È gente seria, sempre presente in aula. Non ho proclusione per nessuno, bado alle persone”.

Eolico: “Non ci credo molto, perché non lascia niente nella tasca delle persone, almeno ufficialmente”.

Rifiuti: “Abbiamo tirato fuori 300 milioni di euro per tamponare le mille falle. Ora abbiamo il piano della Cancellieri. Stiamo contraendo un mutuo per 400 milioni per dimezzare il buco degli 800. Nella legge ci saranno anche misure sanzionatorie per i Comuni che non pagano e non fanno la differenziata“.