Live Sicilia

Soldi per Shangai, il Carnevale e l'Unità d'Italia

Regione, lite sui fondi:
"Ma li spendiamo"


Articolo letto 514 volte

VOTA
0/5
0 voti

ars, aula, dodici punti, esame, legge, piano casa, Cronaca, Politica
Nino Strano, assessore al Turismo, si è lamentato: "Non ho un euro, non posso programmare nulla". Nel mirino assessoriale la celebre "cabina di regia" per la promozione della Regione, l'organismo che gestisce i soldi per fiere, pubblicità e turismo, di fatto sottraendo fondi agli assessorati. Il coodinatore è Gaetano Armao (nella foto), ne fanno parte Giulia Randazzo, Mario Centorrino, il senatore Ludovico Corrao, l'onnipresente Gianni Puglisi, gli ex presidenti Mario Fasino e Mario D'Acquisto, più alti burocrati. La polemica è divampata in fretta, dopo la sfuriata di Strano.  "L'assessore Strano farebbe meglio a dimettersi piuttosto che recitare il ruolo di 'moglie abbandonata'. Se è vero che il suo assessorato è stato spogliato di oltre 4 milioni di euro (questa la cifra incriminata, ndr) per dare vita ad una creatura del presidente Lombardo, cioé il mega-fondo per la promozione, è opportuno che alle lagnanze Nino Strano faccia seguire orgogliosamente le proprie dimissioni da delegato al Turismo". Questo l'affondo di Marco Forzese, deputato regionale Udc.
E la cabina di regia che fa? Nulla di ufficiale trapela ancora. Ma proprio all'inizio dell'anno l'organismo coordinato da Armao ha deliberato i primi tre interventi promozionali, circa 900 mila euro per eventi di carattere internazionale. E in particolare: 450 mila euro sono destinati alla partecipazione della Regione Sicilia all'Expo di Shangai, 350 mila euro alle celebrazioni del 150 esimo anniversario dell'Unità d'Italia e altri 200 mila euro per i prissimi Carnevali di Sicilia.