Live Sicilia

La stampa e l'incoerenza

In difesa di Stefania
(e anche del bassotto)


Articolo letto 487 volte


"MA CHE C'ENTRA... sinestra destra... petix ha attaccato il sindaco in 10 annni per due cose, la ringhiera di mondello e la cosa della gesip... diciamo pure due cose quasi di gossip... ma Palermo fa schifo e la signorina sta cosa non la dice... e comunque sia sta pseudogiornalista... almeno si informi su chi decise per i containers".

"Un servizio degno del suo padrone.. noi sappiamo chi realmente lotta in questa città.. uno cento mille Ferrandelli".

Sono alcuni tra i commenti inseriti su Facebook pro Fabrizio Ferrandelli e contro Stefania Petyx. La vicenda è riassunta con completezza nel pezzo di Miriam Di Peri. Stefania ha fatto bene o male il suo lavoro? Sulla circostanza i pareri non sono tutti orientati verso la condanna, per esempio Nadia Spallitta ha lodato il servizio di  "Striscia". Dunque lasceremo il quesito in sospeso.

Ma noi siamo comunque dalla parte di Stefania e del bassotto. Si può dissentire, non essere d'accordo perfino con un contorno aspro di repliche. Il punto è un altro: gli stessi che ieri lodavano Petyx per le sue inchieste "contro" il sindaco, oggi la vorrebbero al rogo per il pezzo "contro" Ferrandelli e il Pd. Non solo la criticano (operazione legittima). La accusano di tradimento.  Ciò - a nostro parere - dimostra una tendenza, inoppugnabilmente. A Palermo, la libera stampa non piace a nessuno. Si vorrebbero i cronisti perennemente schierati su una trincea, come se fossero armi di distruzione di massa  in mano a questo o a quel talebano. Se i giornalisti - e Stefania lo è - (nel bene o nel male, sbagliando o azzeccandoci) tentano di fare il loro lavoro senza condizionamenti, non piacciono né a destra, né a sinistra.

Ma poi come si fa ad accusare di "berlusconismo" e contiguità col potere la stessa persona che, fino a pochi mesi fa, era ammirata per il suo coraggio e per la sua indipendenza anti-sistema e anti-sindaco dai medesimi che adesso la crocifiggono?

Qualcuno se la sente di alzare il ditino e provare a dare una risposta sensata?