Live Sicilia

La questione dell'ordine del giorno dei misteri

La replica di Nadia Spallitta
e la controreplica di Livesicilia


Articolo letto 450 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Cronaca
"Desidero smentire categoricamente le dichiarazioni apparse sull’articolo del 6 febbraio a firma di Miriam Di Peri dal titolo “Striscia la bufera nel centrosinistra”, nella parte in cui mi si associa in qualche modo alla persona di Scoma. Io Scoma non l’ho mai né incontrato, né visto, né sentito. I miei unici interlocutori sono stati gli esponenti dei gruppi consiliari del centrosinistra, con i quali ci siamo riuniti circa dieci giorni fa per valutare come predisporre questo ordine del giorno. Mi dispiace che il centrosinistra, invece di esultare per una vittoria e comunque per un passo avanti rispetto al problema sociale, e di valutare quali azioni successive intraprendere per risolvere il problema dell’emergenza casa, si preoccupi o di assumere meriti o di denigrare e diffamare – tra l’altro inspiegabilmente poiché l’Odg è stato condiviso da tutti i consiglieri del centrosinistra e votato all’unanimità (quindi avrebbero tutti eseguito le volontà di Scoma?) – chi da tempo, come la sottoscritta insieme al suo gruppo , ha affrontato e si è battuto per togliere le famiglie dei container da una condizione di degrado inaccettabile, presentando anche (da mesi) istanze d’accesso e interrogazioni per conoscere la situazione degli alloggi confiscati alla mafia da poter utilizzare per queste finalità. Rispetto alla veloce riunione del centrosinistra tenuta durante i lavori d’Aula, alla quale non hanno partecipato neanche alcuni consiglieri dell’Idv, ero comunque rappresentata dalla mia collega di gruppo e quindi non riesco a capire quale possa essere il problema. Chi fa certe affermazioni o evidentemente in malafede o ha una visione molto limitata della politica. Infatti è notoria la resistenza  della giunta Cammarata ad utilizzare immobili confiscati ai mafiosi per l’emergenza abitativa. Nell’Odg da me predisposto si prevedeva in modo espresso questo utilizzo, mentre l’emendamento soppressivo proposto da alcuni consiglieri del centrosinistra eliminava tale specifico riferimento e avrebbe consentito a Scoma, più che assegnare alloggi (sia pure in via temporanea) dignitosi alle famiglie,  di allocare, ad esempio, le famiglie presso gli uffici dell’urbanistica di piazzetta della Pace. Dunque le dichiarazioni apparse nell’articolo oltre che incongruenti sono davvero ridicole". Nadia Spallitta, capogruppo di Un'Altra Storia

Livesicilia risponde
"L’ordine del giorno da votare è stato scritto dalla consigliera di Un’Altra Storia, Nadia Spallitta, su "input" del vicesindaco Scoma". Questo è il passaggio in cui abbiamo commesso l'orrendo crimine dell'"associazione" di Nadia Spallitta e Francesco Scoma. Associazione evidentemente non gradita e prendiamo atto della "precisazione" (e chissà Scoma che ne pensa). Per il resto, nelle "dichiarazioni" del consigliere Spallitta, Scoma non compare. Forse bisognerebbe sapere distinguere tra "ricostruzione" del cronista e "dichiarazioni" dell'interessata.  
Noi abbiamo semplicemente raccontato un passaggio critico del centrosinistra, che si fa via via più evidente.  
Stiamo ascoltando e raccogliendo reazioni scritte e orali molto esplicite, per essere gentili. Mai, l'amministrazione che governa questa città ha replicato con tanta veemenza ai nostri appunti, talvolta molto pesanti. E questa è una differenza di stile e di contenuti oggettiva. Ne terremo conto nella valutazione dei fatti che si presenteranno alla nostra rigorosa attenzione di cronisti e, nel frattempo, segnaliamo la circostanza al lettore. R.P.