Live Sicilia

Sit-ccom

Pc, panelle e crocché presentata
alla focacceria San Francesco


Articolo letto 3.759 volte

VOTA
5/5
1 voto

focacceria san francesco, panelle e crocchè, pc, sit com, Zapping
C’è il proprietario “vero” della Focacceria San Francesco, quel Fabio Conticello che insieme al fratello Vincenzo lega il suo nome al tradizionale “pani ‘ca meusa”, oltre che alla scelta di non piegarsi alla cultura del “pizzo”.

Accanto a lui siede “Carmelo Schillaci”, alias l’attore palermitano Marcello Mordino, intento ad illustrare ai presenti la sua ricetta innovativa del pane con panelle e crocché (“Ho messo la mentuccia nei cazzilli”).

Siamo alla conferenza stampa di presentazione di “PC… panelle e crocché”, la prima sitcom per il web prodotta da Server, Serverstudio e Novantacento, che si avvale come media partners di BlogSicilia, Livesicilia, I love Sicilia, S, Il Clandestino, Radio Time, Radio Futura Network e Space Outdoor.

Caratteristica comune, non solo ai titolari della Focacceria ma anche a tutte le imprese impegnate nella produzione e nella realizzazione della sitcom, è proprio quella di aver aderito alla campagna di “Addio pizzo”, sposando appieno una nuova concezione etica di fare impresa in Sicilia.

Da destra Marco Perniciaro, Marcello Mordino, Fabiana D'Urso, Luigi Martinez e Fabio Conticello

Da destra Marco Perniciaro, Marcello Mordino, Fabiana D'Urso, Luigi Martinez e Fabio Conticello



Nel corso dell’incontro, svolto stamani nei locali dell’Antica Focacceria - luogo simbolo in Sicilia della lotta alla mafia e al racket delle estorsioni e set di “PC…panelle e crocché”-, è stata proiettata in anteprima per la stampa la prima puntata della web sitcom che debutterà ufficialmente in rete domani mercoledì 10 febbraio, a partire dalle 15.30, sui siti www.blogsicilia.it, www.livesicilia.it e www.panelleecrocche.it.

Il primo ciclo si articolerà in quattro episodi che, con cadenza settimanale, saranno registrati in presa diretta nei locali dell’Antica Focacceria e trasmessi ogni mercoledì sul web.

È il microcosmo di una Sicilia che sorride del suo folklore e dei suoi “mali” quello raccontato da “PC…. panelle e crocché, una variegata umanità dal “sapore” tutto siciliano fatta di personaggi fissi e avventori occasionali, protagonisti di situazioni surreali: dalla famiglia che frigge pannelle da generazioni all’Onorevole e al suo fido autista-bodyguard-aspirante tronista di “Uomini e Donne”; dal boss che si nasconde dentro il forno di una friggitoria cibandosi di pannelle e crocché alla trans ossessionata dalla cura del corpo. Il cast annovera attori professionisti ma anche giovani alle prime armi con il palcoscenico virtuale.

“Siamo entusiasti – ha spiegato Fabio Conticello, titolare della storica Focacceria – di aver messo a disposizione della produzione i nostri locali, da poco ristrutturati, sposando un progetto tecnologicamente molto avanzato”.

Dello stesso parere è Luigi Martinez, amministratore di “Onda Energia”, sponsor della prima puntata della serie. “Abbiamo colto da subito, ovvero sin da prima della sua realizzazione, il valore del prodotto scegliendo praticamente di “comprarlo” a scatola chiusa. Oggi, dopo aver visionato la prima puntata, siamo più che convinti del percorso intrapreso”.

Sull’importanza del web sia come canale di diffusione che come protagonista attivo della sitcom si sono soffermati Marco Perniciaro, produttore esecutivo della sitcom, e Fabiana D’Urso, ideatrice e regista alla sua prima esperienza dietro ad una macchina da presa.

“Il nostro – ha spiegato Perniciaro - è un esperimento di brainstorming con l’utenza. Vogliamo che tutti, anche la gente comune, siano parte integrante del web recitando o offrendo suggerimenti e idee per la sceneggiatura e la caratterizzazione dei personaggi”.

“La nostra – ha aggiunto Fabiana D’Urso – è una produzione “fatta in casa” che gioca in famiglia. L’idea non è quella di fare un prodotto per il web che guardi alla televisione o al cinema, ma che faccia riferimento ad un background teatrale che richiama gli anni Cinquanta quando c’era il teatro televisivo”.

Foto di Silvia Crucitti.