Live Sicilia

Siracusa

Racket dell'immigrazione, 9 arresti
In manette anche un parroco


Articolo letto 717 volte

VOTA
0/5
0 voti

aldo valtimora, arresti, immigrazione, padre carlo d'antoni, prostituzione, siracusa, Cronaca
La Polizia di Siracusa sta eseguendo nove provvedimenti di custodia cautelare, emessi dal Gip del Tribunale di Catania, con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'illecita permanenza di stranieri nel territorio dello stato italiano, falso ideologico in atto pubblico e false dichiarazioni a Pubblico Ufficiale. Agli arresti domiciliari è finito padre Carlo D'Antoni, parroco della chiesa di Bosco Minniti e da tempo impegnato in prima linea nel sostegno ai disagiati e soprattutto agli immigrati. A lui è stata contestata l'associazione a delinquere così come all'avvocato Aldo Valtimora, un professionista assai attivo anche lui nell'azione di sostegno e di assistenza ai migranti.

Le indagini, coordinate inizialmente dalla procura della Repubblica di Siracusa e successivamente dalla Direzione distrettuale antimafia di Catania, ruotano attorno a una presunta organizzazione criminale che aveva la sua base logistica nella chiesa di Bosco Minniti a Siracusa. Il clan, che avrebbe gestito la permanenza in Italia di extracomunitari di origine cinese e nigeriana, produceva e rilasciava, dietro lauti compensi, documenti falsi necessari per ottenere i relativi permessi di soggiorno per asilo politico o protezione, tanto da diventare un punto di riferimento a livello nazionale per i clandestini provenienti da diverse parti d'Italia.

Attraverso questo sistema l'organizzazione sarebbe riuscita ad ottenere la regolarizzazione di numerose ragazze di origine nigeriana, avviate da tempo alla prostituzione in Campania. A due donne è stato contestato anche il reato di riduzione in schiavitù e sfruttamento della prostituzione.