Live Sicilia

Monreale, residenti isolati: i loro disagi

"Aiuto, non posso
tornare a casa mia!"


Articolo letto 507 volte

Arriva una lettera da Monreale. Parla di una casa, di una strada. Entrambe sono inaccessibili ai residenti che non possono rincasare per colpa di smottamenti e disagi. Sembra uno scherzo di Carnevale, vero? Invece abbiamo controllato. Leggere per credere.

VOTA
0/5
0 voti

isolati, Monreale, residenti, sf. maria teresa mancino, Cronaca
Dal mese di novembre 2009, a causa di uno smottamento occorso dapprima in via Linea Ferrata e successivamente in via Santa Liberata, la scrivente unitamente ai propri familiari, tra cui un bambino che attualmente ha otto mesi si vede costretta, a dovere fare percorsi alternativi in un’unica strada buia, pericolante e invasa da cani randagi, non usufruendo in alcun modo di alcun servizio da parte del Comune di Monreale. In data 06/02/2010 infine la via S.F. dove la sottoscritta è residente ha subito l'ennesimo smottamento ed essendo la stessa una strada senza uscita,  è rimasta bloccata all’interno della propria abitazione con i conseguenti disagi che si possono immaginare.
Tra gli innumerevoli problemi, la scrivente avendo al momento l’autovettura all’interno della propria abitazione non può raggiungere il posto di lavoro, senza volere pensare a qualsivoglia tipo di emergenza medico sanitaria.
La strada non è stata messa in sicurezza da personale di competenza e tra l'altro è completamente sprovvista di illuminazione, pericolante e con la presenza di numerosi cani randagi che mettono a rischio l’incolumità dei residenti. La scrivente, non essendo libera di potere rincasare nella propria abitazione, è costretta a chiedere ospitalità ai parenti residenti a Palermo con non pochi disagi, pagando a vuoto un canone di locazione non potendo serenamente vivere nella propria casa. Si sottolinea nuovamente l'impossibilità ad essere raggiunti a casa da qualsivoglia mezzo di soccorso per qualsiasi tipo di emergenza (incendio, cure mediche, ecc..) e dall'impossibilità di svolgere normalmente la propria vita privata, essendo isolati da parenti o amici che non possono raggiungerci.
A tutt'oggi non si hanno ancora notizie da nessun ente, nessuno è intervenuto e permane lo stato di notevole disagio e paura. Certo di un Vs riscontro, porge cordiali saluti.

Mancino Teresa Maria, residente nella predetta via.