Live Sicilia

Teatro

"Scene da Boheme" al Massimo
il pubblico partecipa all'opera


Articolo letto 787 volte

VOTA
0/5
0 voti

mariani, micheli, palermo, scene da boheme, teatro massimo, Zapping
Al teatro Massimo di Palermo debutta sabato 20 febbraio "Scene da Bohème", uno spettacolo di Lorenzo Mariani e Francesco Micheli, nuova produzione del Teatro per il progetto "La Scuola va al Massimo", che questa volta si apre ufficialmente anche alle famiglie: domenica 28 febbraio alle ore 11 andrà in scena una replica alla quale i piccoli studenti (la proposta coinvolge elementari e medie inferiori) potranno assistere con i parenti. Il bambino entrerà gratis e l'adulto accompagnatore pagherà un biglietto di 10 euro.

"Scene da Bohème" vuole raccontare contemporaneamente due storie: quella dell'opera pucciniana e quella di chi dal 1896 la realizza in tutto il mondo con passione, professionalità, fantasia: per la prima volta gli spettatori conosceranno le tante persone che fanno l'opera davanti e dietro le quinte, dai cantanti ai macchinisti, al regista, al direttore d'orchestra, lo scenografo, gli artisti del coro, i professori d'orchestra, il corpo di ballo e così via.

Su una pedana collocata nella platea del teatro, il direttore artistico Lorenzo Mariani, che cura la regia dell'edizione dì "Bohème" in scena a febbraio e marzo per la Stagione 2010, impersonerà se stesso - un regista intento in una prova del capolavoro pucciniano. Sarà così lui a guidare gli spettatori verso la conoscenza dell'opera, dei suoi momenti musicali e narrativi, coinvolgendo i ragazzi nell'azione e parlando con loro di quanto avviene durante la preparazione di uno spettacolo.

Il pubblico potrà scoprire come nasce una messa in scena e confrontarne i preparativi con la realizzazione finale. L'apertura e la chiusura del sipario aiuteranno gli studenti a distinguere i momenti delle prove da quelli dello spettacolo finito. Per "Scene da Bohème" sono coinvolte l'Orchestra, il Coro, il Coro di voci bianche e il Corpo di ballo del Teatro Massimo; sul podio Giovanni Di Stefano; maestro del coro Andrea Faidutti; coreografie di Luigi Neri; luci di Christian Pinaud. La drammaturgia è di Francesco Micheli, la regia di Lorenzo Mariani, le musiche originali di Giacomo Puccini.