Live Sicilia

Lo affermano due studiosi dell'Università di Palermo

Gay anche in Cosa Nostra
Purché non si sappia


Articolo letto 782 volte

VOTA
0/5
0 voti

cosa nostra, gay, mafia, omosessualità, studio, Cronaca
Mafia e omosessualità non vanno d'accordo. Non sono ammessi gay in Cosa Nostra e nella 'ndrangheta la repressione di rapporti tra uomini e' ferocissima. A queste conclusioni sono arrivati gli studi di Girolamo Lo Verso, ordinario di psicoterapia all'università di Palermo, e Cecilia Giordano docente della facoltà di Scienze della formazione, che sono stati presentati questa mattina al seminario di studi su "Omosessualità, omofobia e psicoterapia", organizzato dalla cattedra di Psicoterapia della facoltà di Scienze della Formazione, in collaborazione con l'università Federico II di Napoli e "La Sapienza" di Roma. Il convegno, che indagherà su quali danni psichici può causare la convinzione, scientificamente errata che l'omosessualità sia una malattia, si occupa anche del rapporto tra criminalità organizzata e gay. "Soprattutto in Sicilia - spiega Lo Verso - rimane l'idea che nei gay ci sia qualcosa da curare, ma in realtà tutto nasce dall'omofobia, radicata anche nella cultura mafiosa. Sappiamo che una relazione omosessuale può essere perversa quanto una etero, ma consideriamo la prima in maniera molto più negativa". Anche il procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia, ha parlato in un'intervista della presenza di omosessuali all'interno di Cosa Nostra: "Non si tratta di boss, ma di esponenti di medio livello", ha spiegato confermando che la condizione di omosessuale tra i mafiosi viene vissuta con una certa paura. Negli anni passati gli studi di Lo Verso si sono focalizzati su Cosa nostra, ma ultimamente si sono estesi al mondo della 'Ndrangheta. ''Nella criminalità organizzata calabrese - prosegue il professore - la repressione dei comportamenti gay è ancora più forte. In carcere, per esempio i malavitosi hanno l'obbligo di farsi la doccia con le mutande e di cambiarsi dietro la porta dell'armadietto. Inoltre, nelle 'ndrine i rapporti, in molti casi, sono costituiti da legami di sangue. Sono famiglie vere e proprie, non come quelle 'allargaté di Cosa nostra. Questo causa una maggiore attenzione perché rapporti omosessuali potrebbero essere addirittura incestuosi". E' ancora ignota, però, l'origine dell'omofobia in Sicilia. "La cultura mediterranea - dice Lo Verso - è sempre stata molto aperta ai rapporti omosessuali. Nell'antichità l'omofobia non esisteva. Una spiegazione potrebbe essere che tutte le culture che si sono avvicendate nell'isola, a parte i francesi, avevano tutte il culto della morte. Questi aspetti mortiferi potrebbero tendere all'oppressione, ma ovviamente questa è una pura speculazione".