Live Sicilia

Libri

Il "Mondo bastardo" allo Zeta Lab


Articolo letto 700 volte

VOTA
0/5
0 voti

giusto catania, laboratorio zeta, Libri, mondo bastardo, stefano rodotà, Cultura e Spettacolo
Domenica 21 febbraio alle 18 al Laboratorio Zeta (via A. Boito, 7 - Palermo), presentazione del libro di Giusto Catania "Mondo bastardo. Globalizzati e meticci" di "Duepunti edizioni". Con l'autore anche Vincenzo Guarrasi, preside della facoltà di Lettere e filosofia dell'Università degli studi di Palermo, e Stefano Galieni, responsabile nazionale dipartimento Migranti di PRC e collaboratore di "Liberazione".

Il libro. Occidente ed Islam sono in guerra? Di certo una guerra in atto c’è ed è ancora più pericolosa: un bombardamento mediatico che tende a criminalizzare, indistintamente, gli stranieri e in particolare i musulmani, e ad alimentare il mito di uno “scontro di civiltà”. Un legame strettissimo connette la globalizzazione liberista alla guerra preventiva e permanente, alla spirale violenta del terrorismo e alla rappresentazione conflittuale della società occidentale che assume sempre più sembianze multiculturali.

Questo libro propone un’ipotesi “scomoda” sullo stato attuale delle cose: la società multiculturale non è una speranza per il futuro, un’opzione di convivenza pacifica, ma, al contrario, è l’emblema della contrapposizione costante tra culture. E prospetta un’alternativa: o si afferma un modello di società etnocentrico e xenofobo, oppure dovremmo esser in grado di costruire un’opzione altra, un’idea di società in cui le culture possano contaminarsi, in cui il meticciato diventi l’unica opzione plausibile per rompere la staticità incorruttibile della cultura.

Un’Europa bastarda e, con ancora più ambizione, un mondo bastardo rappresentano l’unica soluzione per affermare la pace. Attraverso un’analisi dei più recenti fatti di cronaca, supportata da un attento approfondimento delle fonti, l’autore delinea la possibile alternativa all’attuale crisi globale.

Dalla prefazione di Stefano Rodotà. "Viviamo un tempo drammatico di rivolgimenti, nel quale Giusto Catania si immerge con spirito analitico e forza documentaria, dove si scorgono i buoni frutti della sua appassionata presenza nella Commissione Libertà Pubbliche del Parlamento europeo. Ne risulta un libro complesso, non compiacente fin dal titolo, che compone filoni diversi, ma tutti convergenti verso l’obiettivo ineludibile di una cittadinanza planetaria. Un’utopia? Ma la buona politica si nutre soltanto di capacità di guardare al futuro, di non sottrarsi alle sfide che la realtà continuamente pone".

L’autore. Giusto Catania (Palermo 1971), insegnante e ex-parlamentare europeo (Sinistra Unitaria Europea), è stato vice-presidente della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni. Si occupa di immigrazione e asilo, libertà pubbliche e cittadinanza, lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata, narcotraffico e America latina. Per :duepunti ha pubblicato la postfazione a Logica del terrorismo di Michel Bounan (2006).