Live Sicilia

MESSINA

Sicilia bocciata da Legambiente sulla vivibilità


Articolo letto 442 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Le brevi
"Solo il 3,1% di raccolta differenziata dei rifiuti, un sistema di trasporto pubblico al palo e elevati consumi idrici, ma quasi il 40% di acqua persa dalla rete; piste ciclabili, isole pedonali e Ztl, praticamente inesistenti". E' la situazione di Messina dipinta nell'ultimo dossier Ecostistema Urbano di Legambiente presentato sul Treno verde oggi a Messina.
La città dello Stretto è al 96° posto, a un passo dal fondo della classifica dei 103 capoluoghi di provincia italiani sulla vivibilità ambientale. Ma non va meglio nelle altre province siciliane. Tutti e nove i capoluoghi isolani, infatti, sono tra le ultime 20 città in Italia.
Tra le province siciliane percentuali basse di rifiuti raccolti in maniera differenziata: la migliore è Agrigento con poco meno del 16% , mentre la percentuale minima per legge dovrebbe attestarsi già oltre il 35%. L'utilizzo del trasporto pubblico è ovunque limitato a poco più di un viaggio a settimana per abitante; le corsie riservate ai mezzi pubblici sono pressochè inesistenti. Per quel che riguarda le piste ciclabili la migliore è Palermo che vanta poco più di 10 chilometri di piste riservate ai ciclisti, poi Messina con appena 2,5 Km di piste ciclabili, le altre città seguono a zero o quasi. Elevatissime dappertutto le perdite dalle reti idriche: quasi tutte le città sicule perdono piùdi un terzo dell'acqua immessa in rete.