Live Sicilia

Regione siciliana

Anniversario sbarco dei Mille,
ecco il comitato "Sicilia 150"


Articolo letto 812 volte

VOTA
0/5
0 voti

comitato sicilia 150, programma, regione siciliana, sbarco mille, Zapping
Concerti, incontri, eventi, manifestazioni, in vista dei festeggiamenti per il centocinquantesimo anniversario dallo sbarco dei Mille in Sicilia. Così, per ricordare l'arrivo nell'Isola della spedizione garibaldina, è stato presentato questa mattina a Palermo il comitato “Sicilia 150”, che coordinerà le iniziative, in programma a partire dall'11 maggio 2010 (data dello sbarco a Marsala). Niente di più preciso, almeno per il momento, se non le date e luoghi delle celebrazioni.

Per sapere cosa sarà organizzato nei singoli Comuni, bisognerà aspettare che il comitato pianifichi il calendario degli eventi. Oltre la tappa dell'11 maggio a Marsala, i festeggiamenti proseguiranno poi il 13 a Salemi (con un concerto serale a Segesta), il 15 a Calatafimi, il 26 a Gibilrossa, il 27 a Palermo. Le altre date previste saranno a luglio, il 17 e il 27, rispettivamente a Milazzo e Messina. Le celebrazioni dovrebbero poi concludersi a Bronte il prossimo 8 agosto. Il comitato, presieduto dal governatore Lombardo, è formato dagli assessori regionali Gaetano Armao, Mario Centorrino, Caterina Chinnici e Nino Strano e dai sindaci dei comuni interessati alle celebrazioni: Vittorio Sgarbi (Salemi), Nicolò Ferrara (Calatafimi-Segesta), Lorenzo Carini (Marsala), Diego Cammarata (Palermo), Salvatore Badami (Misilmeri), Giuseppe Buzzanca (Messina), Lorenzo Italiano (Milazzo), Giuseppe Firrarello (Bronte). Del comitato coordinatore faranno parte, inoltre, Mario Fasino, ex presidente della Regione, Vincenzo Emanuele, segretario generale della Presidenza della Regione, e i dirigenti generali Gesualdo Campo e Marco Salerno.

I festeggiamenti sono stati definiti dall'assessore Chinnici importante "occasione per valorizzare la storia, la cultura e le tradizioni della nostra terra". Non si è fatta attendere la polemica di Vittorio Sgarbi, insoddisfatto per l'assenza della parola 'Unità' dal logo e dal nome del comitato. "Il tema, oggi – ha detto Sgarbi – è in che modo far sentire che la Sicilia è più che mai presente nell'Unità d'Italia. Lo Stato, per celebrare i centocinquant'anni, sta spendendo un sacco di soldi per realizzare le solite opere faraoniche”. Secondo Sgarbi bisognerà utilizzare al meglio le risorse di cui si dispone perché "qui in Sicilia abbiamo la fortuna di iniziare le celebrazioni con un anno di anticipo rispetto al resto del Paese. Poiché qui da noi, nei prossimi mesi e nel prossimo anno, sono già in programma eventi culturali di valenza internazionale, non ci resta che valorizzarli all'insegna dei centocinquant'anni dell'Unità d'Italia".

Un ultimo annuncio, da parte dell'eccentrico sindaco salemitano: Sgarbi, infatti, ha precisato di aver già invitato il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che si sarebbe detto disponibile a venire in visita in Sicilia in occasione delle celebrazioni.