Live Sicilia

I vescovi chiedono ai meridionali di liberarsi della mafia

La Cei si schiera: "Sud usato
solo come collettore di voti"


Articolo letto 557 volte

I vescovi incitano il sud a liberarsi dal 'cancro' della mafia, che detta politica ed economia, e ha 'esautorato' lo Stato. Lo affermano in un documento sul Mezzogiorno, che denuncia come nell'attuale crisi politica e sociale, il Sud dell'Italia rischi di essere 'tagliato fuori'  dalla ridistribuzione delle risorse, e ridotto ad un 'collettore di voti per disegni politici ed economici estranei al suo sviluppo'. Inoltre le classi politiche e dirigenti anche al Sud risultano 'inadeguate'. Il testo parla poi di 'urgenza' di nuove forme di solidarietà verso gli immigrati. Leggi il documento della Cei

VOTA
0/5
0 voti

cei, mafia, politici, solidarietà, sud, Cronaca
Giovanni Paolo II alla Valle dei Templi

Giovanni Paolo II alla Valle dei Templi ha pronunciato l'anatema contro la mafia



I vescovi incitano il sud a liberarsi dal 'cancro' della mafia, che detta politica ed economia, e ha 'esautorato' lo Stato. Lo affermano in un documento sul Mezzogiorno, che denuncia come nell'attuale crisi politica e sociale, il Sud dell'Italia rischi di essere 'tagliato fuori'  dalla ridistribuzione delle risorse, e ridotto ad un 'collettore di voti per disegni politici ed economici estranei al suo sviluppo'. Inoltre le classi politiche e dirigenti anche al Sud risultano 'inadeguate'. Il testo parla poi di 'urgenza' di nuove forme di solidarietà verso gli immigrati. Leggi il documento della Cei