Live Sicilia

CALTAGIRONE

Ucciso per affido figli, Gup condanna il convivente della donna


Articolo letto 1.093 volte

VOTA
0/5
0 voti

, Le brevi
E' stato condannato a 15 anni di reclusione Orazio Purrometo Ritrovato, l'uomo accusato di avere ucciso, il 4 gennaio del 2009 a Caltagirone, Ugo Alba, originario di Torino, marito separato della sua convivente, Zaira Ritrovato, al culmine di una lite per l'affidamento dei due figli nati dal loro matrimonio, una ragazza di 12 anni e un bambino di sette. La sentenza è stata emessa dal Gup di Caltagirone, Marcello Gennaro, col rito abbreviato. Il giudice, accogliendo la richiesta della locale Procura, ha ritenuto l'imputato colpevole di omicidio volontario. I legali di Purrometo Ritrovato avevano sostenuto la tesi dell'eccesso colposo di legittima difesa. Subito dopo il delitto il procuratore capo di Caltagirone, Francesco Paolo Giordano, aveva disposto il fermo di Zaira Ritrovato che si era presentata al commissariato di polizia confessando di avere ucciso lei il marito. Due giorni dopo Purrometo Ritrovato ha ammesso le sue responsabilità e la donna ha ritrattato. La sua posizione è vaglio del Gup: i sostituti Domenico Canosa e Eliana Dolce ne hanno chiesto il rinvio a giudizio per concorso in omicidio volontario.