Live Sicilia

Caltanissetta, la scalata della mafia ai funerali

Scoperto il racket
del carissimo estinto


Articolo letto 1.405 volte

VOTA
0/5
0 voti

diego calì, funerali, san cataldo, Cronaca
I carabinieri del comando provinciale di Caltanissetta hanno arrestato, per associazione mafiosa, Diego Calì, 57 anni, di San Cataldo (CL), imprenditore che con l'appoggio di 'Cosa Nostra' voleva acquisire il monopolio del settore delle onoranze funebri. L'arresto dell'imprenditore segue quello di altre undici persone che fanno parte dello stesso gruppo criminale, sorprese dai carabinieri, alla fine del mese di dicembre dello scorso anno, durante un summit di mafia, poco prima che commettessero un omicidio. In quell'occasione venne sequestrato un ingente quantitativo di armi e munizioni detenute illegalmente. In concomitanza con l'arresto dell'imprenditore, i carabinieri hanno rinvenuto un altro arsenale a disposizione dell'organizzazione composto da fucili a canne mozze, pistole e migliaia di munizioni, all'interno di un frigorifero sotto un porte, in aperta campagna.

L'indagine aveva già portato all'arresto, per associazione mafiosa e porto e detenzione illegale di armi da fuoco, di Cosimo Di Forte, Patrizio Calabrò, Salvatore Lombardo, Calogero Ferrara, Gioacchino Mastrosimone, Salvatore Mastrosimone, Liborio Gianluca Pillitteri, Enzo Mancuso, Maria Indorato e Giuseppe Taverna, fermati nel dicembre scorso. Secondo gli investigatori il gruppo criminale con a capo Di Forte aveva intenzione di compiere una serie di omicidi di esponenti di primo piano di Cosa Nostra di San Cataldo e Sommatino per prendere il controllo delle attività criminali nei due comuni e costituire un nuovo mandamento. Nel frigorifero sotterrato i carabinieri hanno trovato 3 fucili da caccia, una pistola calibro 8 un serbatoio per mitragliatore Kalashnikow, proiettili. Le indagini sono cominciate dopo l'omicidio di Salvatore Calì e l'agguato a Stefano Giuseppe Mosca, entrambi imprenditori nel settore delle onoranze funebri.

Il presunto capomafia di San Cataldo, Salvatore Calì, 59 anni, era stato ucciso il 27 dicembre del 2008 mentre usciva dalla sua agenzia di pompe funebri, in via Roma. I killer lo affrontarono sparandogli alla testa, al volto e al petto. Un delitto eccellente, così lo hanno definito gli investigatori, poiché da alcuni anni Salvatore Calì da alcuni sarebbe salito al vertice dello storico clan sancataldese da cui, secondo molti pentiti di mafia, dipende anche la zona di Caltanissetta. Era stato condannato a 9 anni di reclusione per associazione mafiosa e quando lo uccisero era stato scarcerato da poco tempo ed è probabile che stesse già riorganizzando la cosca. Il 28 novembre scorso i killer tornarono nel centro storico di San Cataldo, per uccidere Stefano Mosca, un altro imprenditore di pompe funebri nonché nipote di Salvatore Calì. L'uomo sfuggì ai sicari che entrarono nel suo negozio all'orario di chiusura, che comunque spararano ferendo la loro vittima designata